NAVIGA IL SITO

Strategie equity: opportunità dall’ acqua, la risorsa più preziosa

Statistiche e performances dell’S&P

di La redazione di Soldionline 13 lug 2006 ore 12:16

11 maggio,

Negli ultimi mesi il mercato ha continuato a puntare sulle principali materie prime, spingendone quindi la performance dei titoli correlati.
Un altro trend forse più silenzioso ma non meno efficace in termini di performance è stato quello dell'acqua, che date le sue caratteristiche difensive potrebbe addirittura accelerare anche quando le materie prime dovessero divenire meno popolari.
La ragione è molto semplice.
L'aumento dei consumi e della popolazione sopra la soglia di povertà (impatto di Cina e india), implica consumi maggiori di risorse idriche ma anche un maggiore inquinamento, che proporzionalmente va a ridurre l'acqua disponibile.
Esaminiamo le principali applicazioni legate al business dell'acqua e alcuni players da seguire con attenzione.


Acqua: situazione attuale e prospettive

Il tema dell'acqua e della sua scarsità è un tema oramai noto.
L'aumento della popolazione e quindi delle industrie richiede sempre maggiori quantità di acqua potabile, la cui offerta è però difficile da incrementare dati il progressivo aumento della salinità degli oceani (97,24% delle acque totali secondo l'ente governativo Us Geological Survey) e il maggiore inquinamento di laghi e fiumi.
Come dire che il consumo medio mondiale potrebbe in alcune aree, superare nettamente le risorse momentaneamente disponibili.
A livello puramente fisico, essendo la terra un sistema chiuso, la quantità di acqua nei 3 diversi stati di aggregazione (solido, liquido e gassoso) rimane costante.
Un eventuale allungamento del ciclo dell'acqua e/o un aggravamento delle problematiche delle diverse aree geografiche (desertificazione di alcune aree), potrebbero nondimeno creare momentanei squilibri tra domanda e offerta.
Constatazione banale è che a fronte di un eventuale scarsità di petrolio ci si può anche attrezzare (nucleare, energie rinnovabili, minori km percorsi pro-capite, riscaldamento più basso...), mentre una differenza tra l'acqua necessaria e quella disponibile è un problema di ben altra gravità.
L'inquinamento e l'intervento dell'uomo sovente influiscono negativamente sul ciclo dell'acqua (vedi disastri ambientali) e creano scompensi geografici.
Nelle Americhe e in Australia attualmente l'acqua è sovrabbondante rispetto alla popolazione, al contrario di Asia (soprattutto Cina) ed Europa.

Come si possono suddividere i subsettori dell'acqua?

Utilities:
Il subsettore principale è quello delle Utilities, ovvero delle società che nell'ambito di un regime tendenzialmente regolamentato gestiscono gli acquedotti e la distribuzione dell'acqua ad uso residenziale, industriale, agricolo.
La tendenza del business è la liberalizzazione, conseguente la privatizzazione avvenuta nei principali paesi industrializzati a partire dagli anni '80-90. Successivamente si è verificato un trend di concentramento settoriale e un progressivo rialzo delle tariffe a fronte di investimenti sempre più complessi.
I piani tariffari sono comunemente legati agli investimenti necessari nell'area coperta e tendono a garantire una remunerazione congrua del capitale.
In Italia il player principale è Acea (10,58 euro), che copre circa il 12% della popolazione.
L'acqua sul fatturato di Acea è una percentuale importante anche se la preponderante componente di (produzione e distribuzione) di elettricità non ne fanno un play 'puro'.
Sui numeri attesi del 2007 Acea vale circa 7x l'ebitda, multiplo ancora accettabile nonostante il rialzo degli ultimi due anni.

A livello globale la media delle utilities prezza circa 2x il patrimonio netto e 7/8x l'ebitda ed esprime un rendimento implicito circa del 6%, livello non particolarmente appetibile rispetto al livello dei tassi attuale.
Il settore appare perciò caro, anche se difensivo grazie al dividendo e alla stabilità delle revenues.
Unico elemento veramente positivo (oltre al possibile rincaro delle tariffe), deriva dalle acquisizioni, soprattutto se con margini operativi molto diversi tra compratore e comprato.


Infrastrutture e servizi
Sicuramente un'area più interessante rispetto alle utilities.
Include diverse operations tra cui riparazioni di impianti idrici, tubi, valvole e regolatori, sistemi di controllo e monitoraggio, consulenza ambientale.
La spesa per infrastrutture è prevista in forte aumento nei prossimi anni, sopratutto nelle aree a rapido sviluppo industriale (Cina).
Il principale spreco degli acquedotti sono le perdite, dovute sovente a tubature e impianti obsoleti.
Anche a fronte di un offerta poco reattiva è probabile che gli impianti esistenti debbano fare ingenti investimenti sulle strutture più deteriorate.
Paradossalmente il settore non è particolarmente caro rispetto alle utilities, anche se la capitalizzazione media è molto inferiore, così come la volatilità più elevata.


Trattamento avanzato e desalinizzazione
C'è una relazione diretta tra l'aumento della popolazione, il maggiore inquinamento e la necessità di purificare l'acqua.
Statisticamente circa l'80% delle malattie infettive si trasmette attraverso l'acqua.
Diventa perciò necessario lo sviluppo di trattamenti avanzati per eliminare/filtrare le diverse impurità.
Tra le principali attività la cromatografia (analisi della composizione e del grado di inquinamento), prodotti chimici per il trattamento delle acque reflue, filtri e impianti filtranti, dolcificatori.
Tra le società quotate molte sono asiatiche, a causa dei particolari problemi legati all'acqua e al suo inquinamento che attualmente affliggono l 'Asia.

Sistemi di testing e monitoraggio
Anche questo sottosettore è in grande sviluppo.
Prodotti principali i misuratori di flusso, i sistemi per il controllo delle perdite, sistemi per la fatturazione.

Sistemi di irrigazione
Con l'aumento delle superficie coltivabile c'è una necessita sempre maggiore di sistemi di irrigazione evoluti.
Questo settore si può anche avvicinare al trend dell'etanolo e quindi all'espansione delle colture di canna da zucchero e granoturco che beneficia anche i produttori di macchine agricole, i loro fornitori e gli agrochimici.



conclusioni

L'acqua è un trend a nostro avviso destinato a durare nel tempo.
Il trend è legato infatti all'aumento della popolazione, ai consumi, alla produzione industriale e all'inquinamento. A fronte di un'offerta di risorse potabili, che in alcune aree geografiche può essere aumentata solo con ingenti investimenti.

Da un punto di vista operativo si può investire in OICR (anche se sono un numero esiguo) o su singole società.
Le utilities sono l'investimento più difensivo, anche se poi va fatto un ulteriore sforzo per dividere i play puri (pochi) da multiutilities la cui componente di acqua sul fatturato è sovente limitata.
Dal momento in cui queste società sembrano correttamente prezzate, il potenziale di performance sembra limitato. A meno di fusioni che aumentino sensibilmente le dimensioni in modo da sfruttare maggiori economie di scala.
Attività più tecniche come l'irrigazione, i trattamenti avanzati e di monitoraggio delle acque, l'infrastruttura, sono invece ancora ad altissimo potenziale.
In questo caso però si tratta di valutare società nella maggiore parte dei casi di piccole dimensioni, con multipli elevati ed informativa (oltre che corporate governance) insufficiente.

Siamo comunque convinti che quando il mercato abbandonerà petrolio, oro, rame e tutte le altre materie prime che sembrano attrarre ogni giorno ( a prezzi sempre più elevati) capitali sempre maggiori, l'acqua continuerà a rimanere un investimento estremamente interessante.


Leggi gli Articoli precedenti



Per ulteriori analisi e commenti registrati gratis cliccando qui








JC Investimenti è un servizio di consulenza on-line rivolto a investitori privati e istituzionali realizzato da analisti indipendenti di provata professionalità ed esperienza. I principali obiettivi di JC Investimenti sono:
" fornire analisi e commenti indipendenti sui mercati finanziari, attraverso Report periodici e interpretazioni in tempo reale dei principali avvenimenti economici;
" segnalare corrette strategie di investimento attraverso "Portafogli Consigliati" aggiornati in tempo reale. Per corrette strategie di investimento si intende un insieme di scelte che consentano un'adeguata distribuzione dei rischi e diano la possibilità di ottenere rendimenti superiori alla media del mercato;
" contribuire ad una maggiore consapevolezza degli investitori sulle opportunità, i rischi, gli errori e i casi di disinformazione più frequenti del mondo del risparmio;
" aggiornare gli abbonati sui principali temi normativi, legali e fiscali legati al mondo del risparmio.
Il servizio JC Investimenti non promette rendimenti favolosi ma mette in condizione gli iscritti di effettuare le scelte di investimento con maggiore cognizione di causa, evitando situazioni che potrebbero mettere a rischio la consistenza del proprio patrimonio.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

Guide Lavoro

Cos'è e come funziona Inarcassa

Inarcassa è la cassa nazionale di previdenza ed assistenza per ingegneri e architetti che svolgono la loro attività come liberi professionisti e non godono di altra copertura assicurativa

da

ABCRisparmio

Come si effettua il riscatto della laurea

Come si effettua il riscatto della laurea

Il riscatto della laurea consente di considerare validi per la pensione gli anni trascorsi all’università, come se si fosse lavorato anziché studiato Continua »