NAVIGA IL SITO

BTP marzo 2035, al 2,87% il rendimento nell'asta della quarta tranche

di Mauro Introzzi 13 giu 2019 ore 11:08 Le news sul tuo Smartphone

btp_3Il Tesoro ha collocato in queste ore la quarta tranche del BTP con scadenza 1° marzo 2035, godimento 1 settembre 2018 e tasso annuo 3,35%, pagato in due cedole semestrali (con ISIN IT0005358806). Dell'obbligazione in questione sono stati piazzati titoli per un ammontare pari a 1,5 miliardi di euro, al massimo della forchetta, tra 1 e 1,5 miliardi di euro, che era stata prevista dal ministero per l'asta odierna.

Le richieste sono state pari a 2,34 miliardi di euro, con un rapporto di copertura (tra titoli richiesti e titoli emessi) di 1,56.

Sulla base di un prezzo di aggiudicazione di 106,26 il rendimento lordo complessivo di questa obbbligazione è stato fissato al 2,87%.

Del BTP in oggetto circolano titoli per un controvalore pari a 13,3 miliardi di euro.

 

Nell'asta della seconda tranche, del mese di aprile quando si collocarono altri 1,5 miliardi di euro di titoli, il rapporto di copertura si fermò al 1,37, con un rendimento lordo complessivo fissato al 3%.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutte le ultime su: asta btp , btp
da

SoldieLavoro

Reddito di residenza attiva: 700 euro al mese per trasferirsi in Molise

Reddito di residenza attiva: 700 euro al mese per trasferirsi in Molise

Ma bisogna anche viverci davvero e soprattutto avviare una attività economica. In questa guida ecco come funzionerà il cosiddetto "Reddito di residenza attiva" Continua »

da

ABCRisparmio

Cuneo fiscale: cos’è e perché tagliarlo

Cuneo fiscale: cos’è e perché tagliarlo

Ne sentiremo parlare nei prossimi mesi. Perché la riforma del cuneo fiscale fa parte del programma del nuovo governo. Vediamo cos'è il cuneo fiscale e perché tagliarlo Continua »