NAVIGA IL SITO

BOT annuale, rendimento sempre negativo (e in contrazione)

Il rendimento lordo di aggiudicazione per i 6,5 miliardi di BOT annuali in asta è stato pari al -0,351%. La domanda è stata buona, sulla base di 10,29 miliardi di euro di titoli richiesti

di Mauro Introzzi 12 giu 2017 ore 11:09

La Banca d’Italia ha comunicato che nell’asta di oggi dei BOT con scadenza il 14 giugno 2018 (Codice ISIN: IT0005260010) sono stati collocati tutti i titoli offerti dal ministero dell’Economia e delle Finanze (6,5 miliardi di euro l’ammontare complessivo).

 

CONSULTA: QUOTAZIONI BOT

 

BOT ANNUALE, LE RICHIESTE

bilancia-percentualeLa domanda è stata buona, sulla base di 10,29 miliardi di euro di titoli richiesti. Di conseguenza, il rapporto di copertura (rapporto tra ammontare richiesto e quantitativo offerto) è stato di 1,58, in leggera diminuzione dall’1,73 dell’asta di metà maggio.

 

BOT ANNUALE, RENDIMENTO SEMPRE NEGATIVO

Il rendimento lordo di aggiudicazione è stato negativo e pari al -0,351%, che equivale a un prezzo di aggiudicazione di 100,357. Le commissioni sono azzerate nel caso di rendimento nullo o negativo.

 

BOT ANNUALE, LA PRECEDENTE ASTA DI APRILE

Nella precedente asta dei BOT annuali di maggio il rendimento dei titoli era negativo e pari al -0,304%. In quell’occasione le richieste erano state pari a circa 11,25 miliardi di euro, su un ammontare offerto di 6,5 miliardi.

Tutte le ultime su: asta bot , bot
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

Guide Lavoro

Cosa è il Durc e a chi serve

Il Durc (Documento Unico di Regolarità Contributiva), serve ad attestare la regolarità dei versamenti dovuti a Inps e Inail

da

ABCRisparmio

Bonus facciate cos'è e come funzionano le detrazioni

Bonus facciate cos'è e come funzionano le detrazioni

A partire dal primo gennaio 2020 le spese sostenute e documentate per interventi di recupero e restauro delle facciate degli edifici già esistenti beneficeranno di una detrazione fiscale Continua »