NAVIGA IL SITO
Home » Ultime » Mercati esteri » Titolo sotto la lente: Apple

Titolo sotto la lente: Apple

Nel primo trimestre dell'esercizio 2017-18 i ricavi hanno raggiunto quota 88,3 miliardi (+12,7%), il risultato operativo è salito a 26,3 miliardi (12,5%) mentre l'utile netto ha superato quota 20 miliardi (+12,2% sullo stesso periodo dell'anno precedente)

di Redazione Soldionline 9 feb 2018 ore 10:33

A cura di evaluation.it

 

APPLE: PROFILO SOCIETARIO

Apple progetta, produce e commercializza una vasta gamma di personal computer, dispositivi mobili di comunicazione e media, e lettori portatili di musica digitale, e vende una vasta gamma di software, servizi, periferiche, soluzioni di networking e contenuti digitali e applicazioni di terzi. Si tratta di prodotti e servizi che includono Macintosh (Mac) computer, iPhone, iPad, iPod, Apple TV, Xserve, un portafoglio di applicazioni software consumer e professionali, il Mac OS X e sistemi operativi IOS, contenuti digitali e applicazioni di terzi tramite iTunes negozio, e una gamma di offerte di accessori, assistenza e supporto. L'azienda vende i propri prodotti a livello globale attraverso i suoi punti vendita, negozi online, e della forza vendita diretta e di terze parti, vettori di rete cellulare, grossisti, dettaglianti e rivenditori a valore aggiunto.

pagella-apple_3

APPLE: ANALISI DEL TITOLO

Le azioni Apple fanno parte degli indici S&P 500 e Nasdaq.
Apple mostra una rischiosità superiore alla media del mercato (beta maggiore di 1), indice della dipendenza delle proprie vendite dall'andamento del ciclo economico.
Negli ultimi 3 anni il titolo Apple ha registrato una performance del 26,3%, inferiore al +31,7% realizzato nello stesso periodo dall'indice S&P 500; le azioni hanno avuto un trend calante fino a maggio 2016 arrivando a perdere quasi il 30%. In seguito è ripreso il trend rialzista che aveva caratterizzato il titolo negli ultimi anni portando i prezzi su nuovi massimi storici; correzione piuttosto marcata nelle ultime due settimane.

analisi-titolo-apple

 

APPLE: COMMENTO AI DATI DI BILANCIO

Voci di bilancio

2015

var %

2016

var %

2017

Totale Ricavi

233.715,00

-7,73

215.639,00

6,30

229.234,00

Margine Operativo Lordo

82.487,00

-14,50

70.529,00

1,38

71.501,00

Ebitda margin

35,29

----

32,71

----

31,19

Risultato Operativo

71.230,00

-15,73

60.024,00

2,20

61.344,00

Ebit Margin

30,48

----

27,84

----

26,76

Risultato Ante Imposte

72.515,00

-15,37

61.372,00

4,43

64.089,00

Ebt Margin

31,03

----

28,46

----

27,96

Risultato Netto

53.394,00

-14,43

45.687,00

5,83

48.351,00

E-Margin

22,85

----

21,19

----

21,09

PFN (Cassa)

22.861,00

-13,05

19.877,00

108,78

41.499,00

Patrimonio Netto

119.355,00

7,45

128.249,00

4,52

134.047,00

Capitale Investito

142.216,00

4,16

148.126,00

18,51

175.546,00

ROE

44,74

----

35,62

----

36,07

ROI

50,09

----

40,52

----

34,95

 

apple-store_2Nel triennio 2015-2017 (l'esercizio chiude a settembre) Apple ha una diminuzione dei ricavi dell'1,9% mentre il margine operativo lordo è sceso del 13,3% in presenza di una diminuzione dei margini di 4,1 punti percentuale. Flessione anche per risultato operativo (-13,9%) e risultato netto (-9,4%). La redditività del capitale si è ridotta sia a livello di ROE, passato dal 44,7% al 36,1%, che di Roi, sceso di 15,1 punti al 35%. La posizione finanziaria netta ha registrato un incremento di 18,6 miliardi di dollari 41,5 miliardi a seguito dei consistenti acquisti di azioni proprie (quasi 98 miliardi negli ultimi tre esercizi).

Ultimi Sviluppi: nel primo trimestre dell'esercizio 2017-18 i ricavi hanno raggiunto quota 88,3 miliardi (+12,7%), il risultato operativo è salito a 26,3 miliardi (12,5%) mentre l'utile netto ha superato quota 20 miliardi (+12,2% sullo stesso periodo dell'anno precedente).


APPLE: I COMPARABILI

Azienda

P/E

P/BV

Dividend Yield %

Apple

16,51

6,14

1,50%

Samsung

9,12

1,79

1,78%

LG

14,12

1,52

0,40%

Commento: nel raffronto con le principali società operanti nel settore dell'elettronica di consumo Apple risulta quella più cara sia sulla base del multiplo Prezzo/Patrimonio netto che del rapporto Prezzo/Utile; il rendimento da dividendi risulta nella fascia alta ma non è particolarmente interessante.


APPLE: PUNTI DI FORZA E DEBOLEZZA

Opportunità:

  •  lancio di nuovi prodotti ed ingresso in nuovi segmenti di mercato (come nel caso dei pagamenti elettronici via smartphone)
  •  acquisizioni mirate di realtà minori nel settore (es. Shazam) per consolidare la leadership tecnologica ed integrare la propria offerta


Rischi:

  •  forte concorrenza da parte di Samsung, LG e Huawei nei segmenti smartphone e tablet
  •  rallentamento delle economie dei paesi emergenti che rappresentano i principali sbocchi per la futura crescita dei ricavi della società


APPLE: LA VALUTAZIONE

Nell'applicazione del metodo dei flussi di cassa scontati e dell'Economic Value Added si sono ipotizzati:

  • una crescita dei ricavi che passa dal 15% del 2017-18 fino al 3% di lungo periodo;
  • margini sulle vendite in diminuzione, dal 32% nel 2017-18 al 30,5% nel 2020-21 e seguenti;
  • un ROI di lungo periodo del 41%
Infine si prevedono un tax rate al 21% ed un payout stabile all'85%.

I risultati del modello convergono su un valore per azione di circa 191 dollari che tende a crescere (ridursi) di 7,5 dollari per ogni punto in più (in meno) del margine sulle vendite come mostrato nella figura seguente.

La titolarità dell'analisi che qui riportiamo è dell'autore della stessa, e l'editore - che ospita questo commento - non si assume nessuna responsabilità per il suo contenuto e per le finalità per cui il lettore lo utilizzerà.
Tutti gli articoli su: apple , titolo settimana
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldieLavoro

Gig economy: lavoreremo tutti per un algoritmo?

Gig economy: lavoreremo tutti per un algoritmo?

Economia dei lavoretti, ma non solo. La gig economy potrebbe diventare la nuova forma di organizzazione del lavoro per molti. Vediamo di cosa si tratta Continua »

da

ABCRisparmio

Come funziona Revolut (carta e conto)

Come funziona Revolut (carta e conto)

Revolut offre conti, carte di credito e diversi servizi di pagamento. Vi si può accreditare lo stipendio e cambiare valuta al tasso interbancario. E molte altre cose ancora Continua »