NAVIGA IL SITO

Indici USA, nuovi massimi per S&P500 e Nasdaq. Brilla Tiffany&Co

di Redazione Soldionline 26 nov 2019 ore 07:22 Le news sul tuo Smartphone

wall-street-cartelloIn territorio positivo i principali indici azionari statunitensi nella seduta di ieri. Il Dow Jones ha guadagnato lo 0,8% a 28.066 punti mentre lo Standard & Poor's 500 è salito dello 0,75% a 3.134 punti (nuovo massimo storico). Performance migliore per il Nasdaq (+1,32% a 8.632 punti, con il nuovo massimo assoluto a 8.633 punti).

Giornata decisamente positiva per Tiffany&Co (+6,17% a 133,25 dollari). Il colosso francese LVMH ha ufficializzato l’offerta per rilevare il gruppo statunitense: la compagnia ha messo sul piatto 16,2 miliardi di dollari, pari a una valutazione di 135 dollari per ogni azione di Tiffany.

Swetha Ramachandran - Investment Manager, Luxury stocks di GAM Investments - ha evidenziato che il prezzo offerto si traduce in valutazioni per Tiffany pari a un multiplo prezzo/utili per 2020 intorno a 25 e un multiplo EV/EBITDA di circa 15. "Sulla base di un tasso di interesse dell'1,5%, l'operazione dovrebbe rivelarsi accrescitiva, con l’utile per azione in aumento tra il 4% e il 5% su base annua per il 2020 e il 2021", ha precisato l'esperta.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutte le ultime su: wall street

Guide Lavoro

Che cosa è e a chi serve il fondo San.Arti.

San.Arti. è il fondo di assistenza sanitaria integrativa per i lavoratori del settore dell’artigianato. E’ stato costituito il 23 luglio 2012 da Confartigianato Imprese, Cna, Casartigiani, C.L.A.A.I. e dai sindacati Cgil, Cisl e Uil

da

ABCRisparmio

Come si effettua il riscatto della laurea

Come si effettua il riscatto della laurea

Il riscatto della laurea consente di considerare validi per la pensione gli anni trascorsi all’università, come se si fosse lavorato anziché studiato Continua »