NAVIGA IL SITO
Home » Ultime » Mercati esteri » I dazi USA provocheranno un calo delle borse europee

I dazi USA provocheranno un calo delle borse europee

Le Borse europee e dei Paesi emergenti sono entrate in una fase ribassista. Un eventuale recupero non riuscirà a raggiungere i livelli di massimo relativo visti a inizio anno

di Redazione Soldionline 11 lug 2018 ore 10:37

La recente guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina ha avuto notevoli impatti anche sui mercati azionari internazionali. Questa situazione potrebbe pesare anche nei prossimi mesi.

In particolare, secondo Maurizio Novelli, gestore del fondo Lemanik Global Strategy, stima un ulteriore cedimento mercati nell’ordine del 7-8%, mentre un eventuale recupero non riuscirà a raggiungere i livelli di massimo relativo visti a inizio anno.

Nell’analisi seguente l’esperto spiega i motivi di questa previsione.

 

I dazi americani, volti a sostenere l’indebitamento Usa, colpiranno certamente anche l'Europa.

I mercati più esposti a tali eventi hanno già iniziato a subirne le conseguenze: le borse europee e dei Paesi emergenti sono entrati in una fase ribassista e mi aspetto un ulteriore cedimento del 7-8% dai livelli attuali.

 

bilanci_2La percezione che il ciclo del debito americano stia raggiungendo il suo culmine si fa sempre più evidente. Ormai la posizione netta del sistema Usa evidenzia un passivo con l'estero pari al 45% del Pil contro il 22% del 2007.

L'America ha un disperato bisogno di ridurre questo debito ma non può aumentare il risparmio interno, altrimenti la frenata dei consumi, che sostengono il 75% del Pil, produrrebbe una recessione. Da qui l'idea perseguita dall'amministrazione Trump di canalizzare questi consumi su una produzione interna che quasi non esiste più, perché l'America ha delocalizzato in Asia, Messico e Canada.

 

I dazi sono finalizzati a spingere Germania e Cina a stimolare i consumi interni per aumentare l'import dagli Stati Uniti e ridurre un disavanzo in crescita inarrestabile”.

La Cina ha però un debito interno molto elevato e non è nella condizione di stimolare più di tanto la domanda interna. Anche per quanto riguarda l'Europa, la speranza che i dazi Usa possano indurla a spingere sui consumi e sul debito per sostenere la crescita mondiale rischia di essere una pura illusione.

 

La Cina ha un debito interno del 370% del Pil. La domanda interna dipende in prevalenza da investimenti pubblici e non può crescere più di quanto stia facendo ora senza far salire ulteriormente il debito.

Se la Cina volesse invece stimolare i consumi privati avrebbe bisogno di ridurre il suo risparmio interno, che attualmente finanzia una parte importante del debito americano. Il piano di Trump si scontra inesorabilmente con questo meccanismo e rischia di interrompere i flussi di capitale e risparmio cinese verso l'indebitato sistema Usa. Al contempo, tutta l'area Euro è impegnata in un complesso e lungo processo di convergenza mirato a mettere il debito sotto controllo e non a farlo crescere. Gli Stati Uniti stanno facendo pressioni perché non lo facciano, obbligando a spingere sui consumi.

 

Le Borse europee e dei Paesi emergenti stanno subendo questa situazione e sono entrate in una fase ribassista. Dai livelli attuali mi aspetto un ulteriore cedimento del 7-8%, mentre un eventuale recupero non riuscirà a raggiungere i livelli di massimo relativo visti a inizio anno.

Gli Stati Uniti credono per ora di poter reggere da soli grazie a politiche fiscali che di espansivo hanno ben poco, mentre nella realtà nulla di strutturale è stato fatto e si è cercato solo di spingere la soglia del debito ancora più in alto.

Questo trimestre il Pil americano segnerà un tasso di espansione su base annua del 3% circa, ma si tratterà di un picco ciclico trimestrale destinato a ricadere nel trimestre successivo. Questo fenomeno rimetterà il dollaro sotto pressione, dando un po' di respiro agli emergenti, facendo recuperare i prezzi dell'oro a 1300 ma tenendo in territorio ribassista le borse UE.

La titolarità dell'analisi che qui riportiamo è dell'autore della stessa, e l'editore - che ospita questo commento - non si assume nessuna responsabilità per il suo contenuto e per le finalità per cui il lettore lo utilizzerà.
Tutti gli articoli su: mercato azionario
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldieLavoro

Gig economy: lavoreremo tutti per un algoritmo?

Gig economy: lavoreremo tutti per un algoritmo?

Economia dei lavoretti, ma non solo. La gig economy potrebbe diventare la nuova forma di organizzazione del lavoro per molti. Vediamo di cosa si tratta Continua »

da

ABCRisparmio

Comprare o affittare casa?

Comprare o affittare casa?

Se inserita in un'ottica di gestione patrimoniale, comprare o affittare casa può essere una scelta più difficile di quanto sembri. Uno strumento aiuta a chiarirsi le idee Continua »