NAVIGA IL SITO

Dai giganti del web solo 42 milioni al Fisco italiano (La Repubblica)

di Redazione Lapenna del Web 16 set 2020 ore 07:53 Le news sul tuo Smartphone

digitale-italiaLa Repubblica analizza la digital tax pagata dai colossi del web agli stati dell'eurozona ed in particolare i 42 milioni che dovrebbero entrare nelle casse dello Stato italiano versati da Google, Amazon, Facebook, Uber, Airbnb, Apple e Booking.com.

L'articolo di Ettore Livini sottolinea le imposte pagate dalle società più importanti, un carico fiscale in aumento rispetto agli 11 milioni pagati al fisco nel 2016, ma comunque basso rispetto alle entrate delle società che fanno della rete il loro core business. Amazon, secondo la testata, riporterebbe ricavi in Italia per 4,5 miliardi, ma pagherebbe imposte per 11 milioni. Il nodo del web resterebbe, secondo la testata, un problema irrisolto e da tempo sul tavolo degli osservati speciali e ad oggi su quello dell'Ocse. La partita però sembrerebbe molto difficile, in cosiderazione delle possibili ostruzioni che, secondo il quotidiano, potrebbero arrivare dagli Stati Uniti. Una soluzione, che sarebbe fortemente voluta da Francia e Germania, spingerebbe per una digital tax europea nel 2021, ma alcuni paesi, come Olanda, Irlanda e Lussemburgo, potrebbero non essere d'accordo.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

Guide Lavoro

Chi e per cosa si può utilizzare NoiPA

NoiPA è la piattaforma digitale per la gestione del personale e degli stipendi del settore pubblico.

da

ABCRisparmio

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Il cassetto fiscale è un archivio online tramite il quale ogni contribuente può consultare qualsiasi informazione riguardante la propria posizione fiscale Continua »