NAVIGA IL SITO

Il crollo di Netflix: fuggono gli utenti e arriva la pubblicità (La Repubblica)

di Redazione Lapenna del Web 21 apr 2022 ore 07:58 Le news sul tuo Smartphone

netflix_2La fuga di 200mila abbonati nel primo trimestre 2022 ha innescato un crollo di Netflix alla Borsa di New York, dove il titolo ha perso il 35,12% e 58 miliardi di capitalizzazione. Lo scrive Aldo Fontanarosa su La Repubblica, sottolineando come entrambi i fatti sono stati la premessa di un nuovo modello economico, caratterizzato dall’apertura anche alla pubblicità e a una revisione dei prezzi.

Alla base dell’emorragia di utenti i 700mila tagliati fuori in Russia, Paese che la web tv ha lasciato per protesta contro l’invasione dell’Ucraina. C’è anche, ammette la compagnia, la crisi economica e la difficoltà delle famiglie ad arrivare a fine mese. Tanto che, da aprile a giugno di quest’anno, sono previste altre due milioni di cancellazioni.

“Le persone potranno abbonarsi a Netflix a condizioni più vantaggiose purché accettino, diciamo volontariamente, di sopportare pubblicità non invasive”, si legge sul quotidiano. È la decisione di Reed Hastings, fondatore di Netflix, sulla scia di quanto già fanno Hulu ed Hbo Max. “L’altra misura difensiva riguarda la fruizione collettiva”, con una stretta sui 100 milioni vedenti e non paganti nel mondo grazie alla condivisione dell’account su più dispositivi.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutte le ultime su: netflix