NAVIGA IL SITO

Borse, il lusso ha un motore cinese (L'Economia - Corriere della Sera)

di Redazione Lapenna del Web 1 nov 2021 ore 08:00 Le news sul tuo Smartphone

cina-economiaLe considerazioni della Cina sulla “prosperità comune” - le politiche per far sì che più persone si arricchiscano - ha portato a una correzione per i titoli del lusso europei, che a metà agosto avevano raggiunto i loro massimi storici. Lo scrive Francesca Monti sull’inserto “L’Economia” del Corriere della Sera. 

A lungo termine però le prospettive sarebbero da considerarsi positive. La propensione a spendere è infatti maggiore tra i Millennials e la Gen Z e “l’appetito ai brand più accreditati e di qualità” sarebbe ancora alto. Secondo l'inserto del quotidiano di via Solferino, “il calo delle quotazioni del settore” rappresenterebbe un’occasione in vista del Natale, visti e considerati i livelli di risparmio da record delle famiglie. E quindi le prospettive a lungo termine collocano il lusso in una posizione tale da poter sfruttare la crescita dei mercati emergenti, in una posizione complementare a quella del settore della tecnologia. Il contesto favorirebbe Moncler, Ferrari, Richemont, Hermes e Lvmh. La stima per i prossimi 10-15 anni è di 400 milioni di consumatori che entreranno a far parte del ceto medio, partendo da un basso livello di reddito.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutte le ultime su: ferrari , moncler