NAVIGA IL SITO

Azionario USA: meglio i "magnifici 7" o le "mid-small cap"?

di Redazione Lapenna del Web 16 feb 2024 ore 10:38 Le news sul tuo Smartphone

wallstreet_12Mark Sherlock - Head of US Equities di Federated Hermes - ritiene che con l'S&P500 giunto a nuovi massimi dai cosiddetti "Magnifici 7", qualcuno potrebbe chiedersi se sia il momento giusto per investire in azioni statunitensi. A suo avviso, è bene ricordare che il mercato azionario statunitense è molto più ampio di questo gruppo e che esistono molte opportunità di investimento al di fuori di questi nomi che fanno notizia.

Secondo Mark Sherlock, un'area di particolare interesse in questo momento è rappresentata dalle società che si trovano all'estremità inferiore dello spettro della capitalizzazione di mercato - le società smid, con una capitalizzazione di mercato compresa tra circa un miliardo e 15 miliardi di dollari. L'esperto spiega che le valutazioni in questa parte del mercato sono molto più ragionevoli e i titoli, in aggregato, sono attualmente scambiati con uno sconto del 30% rispetto alle loro controparti a maggiore capitalizzazione (storicamente erano scambiati con un premio del 10%).

Se a ciò si aggiunge un'esposizione settoriale più diversificata, una maggiore propensione verso la solida economia nazionale e il potenziale di beneficiare di ingenti livelli di spesa fiscale, conclude Mark Sherlock, è utile ricordare che esistono molti modi diversi di trarre vantaggio dall'investimento in società statunitensi, al di fuori delle mega-capitali tecnologiche, per coloro che nutrono preoccupazioni sugli attuali livelli di valutazione.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutte le ultime su: wall street