NAVIGA IL SITO

Alla fine Detroit si arrende, fallisce la città dei motori (Corriere della Sera)

di Mauro Introzzi 19 lug 2013 ore 08:42 Le news sul tuo Smartphone
Il Corriere della Sera riporta la notizia del più grande fallimento per una città americana, quello di Detroit, gravata da un debito pari a 18 miliardi di dollari. La discesa negli inferi di quella che una volta era l'orgogliosa capitale mondiale dell'auto (arrivata a contare fino a 2 milioni di abitanti) va avanti da anni a causa della crisi dell'auto con la conseguente discesa del numero degli abitanti sotto quota 700mila e un solo stabilimento (quello di Chrysler) rimasto nel perimetro urbano.
Ora il governatore del Michigan ha autorizzato il commissario Kevyn Orr a chiedere al tribunale la protezione dai creditori attraverso il "Chapter 9".
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutte le ultime su: wall street , chrysler