NAVIGA IL SITO

Titoli di stato, rendimenti in forte rialzo dopo la Fed (Il Sole24Ore)

di Redazione Lapenna del Web 22 set 2023 ore 07:18 Le news sul tuo Smartphone

fed_15Secondo quanto riporta Morya Longo per il Sole24Ore, nella sua ultima riunione la Fed ha annunciato ai mercati finanziari che lascerà i tassi d'interesse statunitensi più alti e per più tempo, indicando la possibilità di un'altra stretta monetaria quest'anno e che nel 2024 e 2025 i tassi scenderanno meno di quanto previsto precedentemente. In conseguenza a queste dichiarazioni i rendimenti dei titoli di stato sono saliti ovunque.

Secondo l'articolo, la reazione dei mercati sta dietro al meccanismo delle aspettative. Gli investitori, scrive Longo, si aspettano da mesi la fine del ciclo dei rialzi dei tassi, con i primi tagli già nel prossimo anno, ma la situazione economica statunitense sembra essere così forte da rendere sempre probabile uno scenario di recessione o forte rallentamento, implicando, quindi, una discesa più lenta dell'inflazione e aspettative degli investitori che più difficilmente verranno soddisfatte. In merito alle stime future: "I membri del consiglio Fed prevedono attualmente un nuovo rialzo dei tassi nel 2023 (anche se si è ridotto il numero di chi lo pensa) e solo due tagli (per 50 punti base complessivi) nel 2024" sottolinea Longo.

A subire l'effetto delle decisioni della Fed e della Bce, quest'ultima al capolinea, è stato il cambio euro-dollaro, il quale, conclude Morya Longo, è diminuito in scia ad un rafforzamento del dollaro, attirando capitli di chi vuole sfruttare i tassi statunitensi più elevati.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutte le ultime su: fed , tassi interesse