NAVIGA IL SITO

Pil Italia: -2% nel quarto trimestre 2020

I dati sono stati leggermente migliori rispetto al consensus degli analisti

di Redazione Soldionline 2 feb 2021 ore 10:30

PIL ITALIA, IL DATO PRELIMINARE DEL QUARTO TRIMESTRE 2020: -2%

pil-italia-2020Secondo le indicazioni preliminari comunicate dall'ISTAT, nel quarto trimestre 2020 il Pil italiano ha registrato una flessione del 2% rispetto al trimestre precedente e una contrazione del 6,6% nei confronti del quarto trimestre del 2020.

I dati sono stati leggermente migliori rispetto al consensus degli analisti.

L'Istat ha segnatato che il quarto trimestre del 2020 ha avuto due giornate lavorative in meno rispetto al trimestre precedente e una giornata lavorativa in più rispetto al quarto trimestre del 2019.

L'istituto di statistica ha puntualizzato che la variazione congiunturale è la sintesi di una diminuzione del valore aggiunto in tutti i principali comparti produttivi, ovvero agricoltura, silvicoltura e pesca, industria e servizi. Dal lato della domanda, vi è un contributo negativo sia della componente nazionale (al lordo delle scorte), sia della componente estera netta.

 

PIL ITALIA 2020, I GRAFICI

I grafici dell'andamento del Pil italiano (tendenziale e congiunturale) negli ultimi anni fino al quarto trimestre 2020 (fonte comunicato stampa ISTAT):

pil-italia-quarto-trimestre-2020

 

PIL ITALIA, IL DATO FINALE DEL TERZO TRIMESTRE 2020: +15,9%

Secondo le indicazioni finali comunicate dall'ISTAT, nel terzo trimestre 2020 il Pil italiano ha registrato un balzo del 15,9% rispetto al trimestre precedente e una flessione del 5% nei confronti del terzo trimestre del 2019.

I dati sono stati leggermente inferiori alle stime preliminari (+16,1% t/t e -4,7% a/a).

La variazione acquisita per il 2020 è pari a -8,3%.

L'Istat ha segnatato che il terzo trimestre del 2020 ha avuto quattro giornate lavorative in più rispetto al trimestre precedente e una giornata lavorativa in più rispetto al terzo trimestre del 2019.

Rispetto al trimestre precedente, tutti i principali aggregati della domanda interna risultano in crescita, con un aumento del 9,2% dei consumi finali nazionali e del 31,3% degli investimenti fissi lordi.

 

PIL ITALIA, IL DATO FINALE DEL SECONDO TRIMESTRE 2020: -12,8%

Secondo le indicazioni finali comunicate dall'ISTAT, nel secondo trimestre 2020 il Pil italiano ha registrato un calo del 12,8% rispetto al trimestre precedente e del 17,7% nei confronti del secondo trimestre del 2019.

I dati sono stati peggiori delle indicazioni preliminari diffuse a fine luglio (-12,4% t/t e -17,3% a/a).

L'Istat ha segnalato che il secondo trimestre del 2020 ha avuto una giornata lavorativa in meno sia rispetto al trimestre precedente sia nei confronti del secondo trimestre del 2019. La variazione acquisita per il 2020 è pari a -14,7%.

L'Istat ha segnalato andamenti congiunturali negativi per il valore aggiunto in tutti i principali comparti produttivi, con agricoltura, industria e servizi diminuiti, rispettivamente, del 3,7%, del 20,2% e dell’11%.

 

PIL ITALIA, IL DATO FINALE DEL PRIMO TRIMESTRE 2020: -5,3%

Secondo le indicazioni finali diffuse dall'ISTAT, nel primo trimestre 2020 il Pil italiano ha registrato un calo del 5,3% rispetto al trimestre precedente e del 5,4% nei confronti del primo trimestre del 2019. La flessione congiunturale del Pil diffusa il 30 aprile 2020 (versione preliminare) era stata del 4,7% mentre quella tendenziale era stata del 4,8%.

Il primo trimestre del 2020 ha avuto lo stesso numero di giornate lavorative del trimestre precedente e una giornata lavorativa in più rispetto al primo trimestre del 2019. La variazione acquisita per il 2020 è pari a -5,5%.

Secondo la nota dell'istituto di statistica tutti i principali aggregati della domanda interna sono in diminuzione rispetto al trimestre precedente, con un calo del 5,1% dei consumi finali nazionali e dell’8,1% degli investimenti fissi lordi. Le importazioni e le esportazioni sono diminuite, rispettivamente, del 6,2% e dell’8%

 

PIL ITALIA, COS'E' E COSA MISURA

Prodotto interno lordo ai prezzi di mercato (Pil) rappresenta il risultato finale dell'attività produttiva delle unità residenti. E' pari alla somma del valore aggiunto ai prezzi base delle unità produttive residenti, più le imposte sui prodotti al netto dei contributi ai prodotti.

L'ISTAT ne diffonde una variazione percentuale congiunturale, calcolata rispetto al trimestre precedente, e una tendenziale, calcolata cioè rispetto all'anno precedente.

L'ufficio di statistica, prima di annunciare un dato finale, diffonde una versione preliminare dell'indicatore.

Tutte le ultime su: pil italia , macroeconomia italia
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

Guide Lavoro

Chi e per cosa si può utilizzare NoiPA

NoiPA è la piattaforma digitale per la gestione del personale e degli stipendi del settore pubblico.

da

ABCRisparmio

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Il cassetto fiscale è un archivio online tramite il quale ogni contribuente può consultare qualsiasi informazione riguardante la propria posizione fiscale Continua »