NAVIGA IL SITO
Home » Ultime » Macroeconomia » Occupazione Usa: 213mila nuovi posti di lavoro in giugno

Occupazione Usa: 213mila nuovi posti di lavoro in giugno

di Marco Delugan 6 lug 2018 ore 14:43 Le news sul tuo Smartphone

usa_13L’economia Usa ha creato 213mila nuovi posti di lavoro in giugno. Lo ha comunicato oggi il dipartimento del lavoro. Le attese degli analisti erano per 200mila.

Dei 213mila nuovi posti di lavoro, 202mila sono stati creati dal settore privato e 11mila da quello pubblico, 53mila nell'industria e 149mila nel settore dei servizi.

Il tasso di disoccupazione è però salito al 4% dal precedente 3,8%.

I nuovi posti di lavoro e il tasso di disoccupazione vengono però da due indagini diverse, e quindi sono elaborati su dati e con metodi diversi. E parte dell'aumento dei disoccupati è dovuto alla fine dell'anno scolastico.

La paga media oraria è aumentata dello 0,2%, a 26,98 dollari. Su base annua, la crescita è stata del 2,7%.

L’incremento dei posti di lavoro di maggio e di aprile è stato rivisto al rialzo per un totale 37mila posti di lavoro in più.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutti gli articoli su: macroeconomia usa , disoccupazione
da

SoldieLavoro

Guida completa al contratto di prestazione occasionale: le novità 2018

Guida completa al contratto di prestazione occasionale: le novità 2018

Con prestazione occasionale si intende una fattispecie di contratto attraverso il quale una parte assume l’altra a svolgere un determinato lavoro per un breve periodo di tempo Continua »

da

ABCRisparmio

Pensioni: Quota 100 spiegata in pochi minuti

Pensioni: Quota 100 spiegata in pochi minuti

Quota 100 è un sistema che consente la possibilità di accedere alla pensione nel momento in cui la somma tra età anagrafica e contributi versati è pari ad almeno 100 Continua »