NAVIGA IL SITO

A marzo 2019 +351mila assunzioni su anno

In crescita, seppure al rallentatore, le assunzioni al netto delle cessazioni nel primo trimestre 2019: tra gennaio e marzo, infatti, il saldo annualizzato registra +351mila posti di lavoro

di Redazione Soldionline 23 mag 2019 ore 15:25

A cura di Labitalia/Adnkronos

 

economia-italianaIn crescita, seppure al rallentatore, le assunzioni al netto delle cessazioni nel primo trimestre 2019: tra gennaio e marzo, infatti, il saldo annualizzato registra +351mila posti di lavoro, inferiori a quei +537mila registrati nel primo trimestre 2018. E' quanto si legge nell'Osservatorio sul precariato Inps. Ma i dati registrano una "inversione di tendenza" fra l'andamento dei rapporti di lavoro a tempo indeterminato e quello dei tempo determinato. Per i contratti stabili infatti il saldo tra assunzioni e cessazioni che a fine marzo 2018 era negativo per 57mila unità, è tornato in positivo per 324mila unità.

Al contrario, per i contratti a tempo il saldo positivo di 346mila unità del marzo dello scorso anno si è trasformato in un meno 90mila. Anche il saldo annualizzato dei rapporti di apprendistato risulta positivo (+80.000). Complessivamente, le assunzioni riferite ai soli datori di lavoro privati e al lordo delle cessazioni, nel 1° trimestre 2019, dice ancora l'Inps, sono state 1,6 milioni in calo rispetto ai 1,8 mln del primo trimestre 2018. In crescita risultano i contratti a tempo indeterminato, 390mila contro i 352mila del periodo gennaio marzo 2018, i contratti di apprendistato e i contratti di lavoro intermittente. In evidente diminuzione invece risultano i contratti di somministrazione (-36,3%).

Nel corso dei primi tre mesi del 2019 si conferma, rispetto al 2018, l’incremento delle trasformazioni da tempo determinato a tempo indeterminato, che risultano quasi raddoppiate (da 125.000 a 219.000: +94.000, +75,5%). Un lieve incremento si registra per le conferme di rapporti di apprendistato giunti alla conclusione del periodo formativo (+7,0%).

Le cessazioni nel complesso sono state pari 1.318.000, in diminuzione rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente: la riduzione ha riguardato le cessazioni di contratti in somministrazione, di rapporti a termine e di rapporti a tempo indeterminato; in crescita sono invece le cessazioni di rapporti con contratto intermittente e di contratti in apprendistato. Sempre nei primi tre mesi del 2019, su un totale di 705.000 nuovi rapporti a tempo indeterminato (attivati sia con assunzioni incluso l‘apprendistato sia con trasformazioni da rapporti a termine), i rapporti agevolati risultano pari a 143.000 (circa il 20%), di cui 29.000 dovuti all’esonero strutturale giovani under 35 previsto dalla legge di stabilità 2018.

Crescono, dunque, nel trimestre gennaio marzo le assunzioni a tempo indeterminato: la variazione al netto delle cessazioni, comprensiva delle trasformazioni da contratto a tempo a quello stabile, registrano un +241.147 rispetto ai +106.558 del primo trimestre 2018. Le cessazioni complessive, invece, annota ancora l'Inps, registrano una generale flessione passando da 1.42 milioni nel 1° trimestre 2018 a 1,38 mln nello stesso periodo del 2019. A calare soprattutto i licenziamenti di natura economica, dai 164mila del 2018 ai 145 mila del periodo gennaio-marzo 2019, e quelli relativi ai rapporti a termine conclusi alla loro scadenza prevista.

Per quanto riguarda le assunzioni distinte per classe dimensionale delle imprese l'Osservatorio registra come tra le aziende con meno di 15 occupati l'aumento dei posti di lavoro sia, nel primo trimestre 2019, sostanzialmente stabile: 676.488 assunzioni contro le 669.701 del 2018. In calo invece quelle tra le imprese da 16 a 99 dipendenti: da 441.925 nel primo trim.2018 alle 403.045 del primo trimestre 2019.

Tutti gli articoli su: macroeconomia italia
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldieLavoro

Reddito di cittadinanza (Rdc) 2019: a chi spetta, requisiti e importo

Reddito di cittadinanza (Rdc) 2019: a chi spetta, requisiti e importo

Il Reddito di cittadinanza è il nuovo sussidio contro la povertà. Lo si potrà richiedere dal 6 marzo 2019 e verrà distribuito a partire dal 27 aprile. Destinatari, requisiti e importi Continua »

da

ABCRisparmio

730 precompilato 2019: istruzioni per la compilazione

730 precompilato 2019: istruzioni per la compilazione

Il modello 730 precompilato 2019 sarà accessibile online dal 16 aprile. Può semplificare molte cose nella compilazione della dichiarazione dei redditi. Continua »