NAVIGA IL SITO

Inflazione Europa, il vero problema è il tasso core

di Redazione Lapenna del Web 4 lug 2023 ore 10:35 Le news sul tuo Smartphone

inflazione_10Ulrike Kastens - Economist Europe di DWS - ritiene che a prima vista il momento peggiore dell'inflazione sembra passato. L'esperta afferma che l'aumento del costo della vita è stato solo del 5,5% a giugno, leggermente inferiore alle aspettative di DWS, anche se sono soprattutto gli effetti base dell'aumento dei prezzi dell'energia dello scorso anno ad essere responsabili del calo. L'esperta spiega che i prezzi dell'energia sono aumentati solo del 6,9% a giugno, dopo il 7% di maggio e un leggero calo è stato registrato anche nei prezzi dei generi alimentari.

"Con un tasso di crescita dell'11,7%, sono aumentati in misura minore, ma l'inflazione è ancora troppo elevata", spiega Ulrike Kastens.

La pressione dei prezzi si riflette, secondo l'esperta, nel tasso core, che è salito da 5,3 a 5,4% da maggio a giugno. Sebbene a suo avviso si tratti di un dato inferiore alle attese, non ci sarebbe "alcun reale sollievo in vista". Nonostante i prezzi dei beni durevoli stiano aumentando meno, il problema è rappresentato dai servizi, che sono spesso ad alta intensità di lavoro e quindi direttamente colpiti dagli aumenti salariali e dalle carenze del mercato del lavoro.

L'esperta conclude ritenendo che vi è una probabilità che questo effetto si faccia sentire anche nell'attuale stagione turistica con un aumento di prezzi. Secondo DWS, dunque, è molto probabile che il tasso core rimanga ben al di sopra della soglia del 5% nei prossimi mesi, il che richiederà ulteriori rialzi dei tassi da parte della BCE.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutte le ultime su: inflazione