NAVIGA IL SITO

L’Fmi alza le stime di crescita 2023 ma «la lotta all’inflazione non è vinta» (Il Sole24Ore)

di Redazione Lapenna del Web 26 lug 2023 ore 07:16 Le news sul tuo Smartphone

pil-mondialeSecondo quanto riporta Gianluca Di Donfrancesco per il Sole24Ore, il Fondo Monetario Internazionale ha alzato le stime di crescita del Pil globale per l'anno in corso, portandole dal 2,8% stimato ad aprile al 3%; lo stesso risultato è stato confermato anche per il 2024, ma non senza alcun elemento di rischio. Infatti, Di Donfrancesco sottolinea come ci sono chiari segni di rallentamento, un'inflazione che si conferma ostinata, il conflitto tra Russia e Ucraina che potrebbe innescare un nuovo rialzo dei prezzi delle materie prime e l'economia cinese che stenta a ripartire.

"Recessione confermata, invece, per la Germania: la contrazione sarà dello 0,3%, rispetto al -0,1% stimato ad aprile. Le stime sull’Italia, per il 2023, erano già state alzate a maggio: il Pil salirà dell’1,1% (rispetto allo 0,7% di aprile)" riporta l'articolo. Anche negli Stati Uniti il Pil è stato rivisto al rialzo al 3%, per poi però subire un rallentamento all'1% nel 2024. In merito ai più grandi paesi per popolazione del mondo, Cina e India, il giornalista ha riportato come la prima stia perdendo slancio, principalmente a causa di investimenti in calo e consumi sotto le attese. Per quanto riguarda l'India, invece, il Pil è atteso in rialzo del 6,1% quest'anno e del 6,3% il prossimo. Infine, il FMI suggerisce e conclude commentando come le banche centrali dovrebbero concentrarsi sull'inflazione e sul maggior monitoraggio dei rischi, evitando mosse nella politica monetaria premature.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutte le ultime su: fmi