NAVIGA IL SITO

BCE, molto improbabile un rialzo dei tassi nel 2022

di Redazione Lapenna del Web 31 gen 2022 ore 11:00 Le news sul tuo Smartphone

bce_18Martin Wolburg - Senior Economist di Generali Investments - ha fornito alcune indicazioni sulla politica monetaria della BCE, in attesa della riunione del 3 febbraio 2022.

L'esperto ritiene che la BCE dovrà decidere di ritirare gli stimoli dopo la fine del PEPP nel 2022 senza mettere in pericolo la ripresa, mantenendo le condizioni di finanziamento ancora favorevoli, considerando che la banca centrale ha già annunciato una riduzione graduale del QE (quantative easing) nel corso del 2022. "Pertanto, a causa della nuova strategia, dei rischi al ribasso a breve termine (pandemia, Cina, tensioni geopolitiche) nonchè per ragioni di credibilità, continuiamo a ritenere molto improbabile un rialzo dei tassi nel 2022", ha ipotizzato l'esperto. 

Secondo Martin Wolburg il Consiglio Direttivo della BCE vede i rischi di inflazione rivolti verso l'alto. "Al momento ci aspettiamo che l'aumento dei prezzi dell'energia e gli effetti secondari nelle trattative salariali del 2022 inneschino un primo rialzo dei tassi di 20 punti base già nel giugno 2023".

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutte le ultime su: tassi interesse , bce