NAVIGA IL SITO

BCE, approvata la nuova strategia di politica monetaria

di Edoardo Fagnani 8 lug 2021 ore 17:11 Le news sul tuo Smartphone

lagarde-presidente-bceIl Consiglio direttivo della Banca Centrale Europea (BCE) ha pubblicato una dichiarazione che illustra la nuova strategia di politica monetaria.

In particolare, l'istituto guidato da Christine Lagarde considera che il miglior modo per mantenere la stabilità dei prezzi sia perseguire un obiettivo di inflazione del 2% a medio termine. Questo obiettivo è simmetrico, nel senso che scostamenti negativi e positivi dell’inflazione dall’obiettivo sono ugualmente inopportuni. "Quando l’economia opera in prossimità del limite inferiore per i tassi di interesse nominali, è necessaria un’azione di politica monetaria particolarmente incisiva o persistente per evitare che le deviazioni negative dall’obiettivo di inflazione si radichino", ha spiegato la BCE. La banca centrale ha segnalato che questa strategia può comportare un periodo transitorio in cui l’inflazione si colloca su un livello moderatamente al di sopra dell’obiettivo.

Inoltre, il Consiglio direttivo ha confermato che l’insieme dei tassi di interesse della BCE continua a essere il principale strumento di politica monetaria. "Le indicazioni prospettiche sui tassi (forward guidance), gli acquisti di attività e le operazioni di rifinanziamento a più lungo termine, che negli ultimi dieci anni hanno contribuito ad attenuare i vincoli generati dal limite inferiore per i tassi di interesse nominali, rimangono parte integrante dello strumentario della BCE, da utilizzare ove opportuno", ha ribadito la BCE.

 

Gli analisti di IntesaSanpaolo hanno segnalato che la revisione della strategia di politica monetaria annunciata dalla Banca Centrale Europea conferma il passaggio a un obiettivo simmetrico del 2%, ma lascia all’interpretazione del consiglio direttivo quanta tolleranza esprimere nei confronti delle deviazioni dell’inflazione da tale livello.

Secondo gli esperti la maggiore sorpresa è che la nuova strategia si applicherà già alla riunione di politica monetaria del 22 luglio, e che in tale occasione anche la struttura del comunicato ufficiale sarà cambiata radicalmente.

"La rilevanza del cambiamento sarà verificabile soltanto quando l’inflazione sarà tornata stabilmente all’obiettivo, il che non accadrà a breve: quanto lungo sarà il periodo transitorio di inflazione sopra l’obiettivo che il consiglio direttivo tollererà? E quanto ampia sarà una deviazione moderata? La risposta dipenderà dal contesto di quel momento", hanno concluso gli esperti.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutte le ultime su: bce , inflazione