NAVIGA IL SITO

Aspettative BCE: una pausa anticipata?

di Redazione Lapenna del Web 24 ott 2023 ore 11:03 Le news sul tuo Smartphone

bce_19François Rimeu - Senior Strategist, La Française AM - prevede che la Banca Centrale Europea non modificherà i tassi di interesse chiave nella riunione di giovedì 26 ottobre 2023: 4,0% per il tasso di deposito e 4,5% per il tasso Refi. A suo avviso, l'inflazione sottostante (cioè al netto dell'energia e dei generi alimentari) è tendente al ribasso, ma rimane lontana dall'obiettivo del 2%.

Inoltre, secondo François Rimeu, l'ultimo rialzo dei rendimenti obbligazionari europei, legato principalmente all'impennata dei Treasury statunitensi da settembre, sta inasprendo le condizioni monetarie e dovrebbe indebolire la traiettoria di crescita dell'Eurozona.

Secondo l'esperto, per quanto riguarda il quantitative tightening, è probabile che le discussioni si intensifichino alla luce degli ultimi commenti provenienti dai falchi della BCE. "Tuttavia, non ci aspettiamo ulteriori dettagli sul reinvestimento dei titoli nell'ambito del PEPP, soprattutto prima che la BCE abbia concluso la revisione del quadro operativo prevista entro la primavera del 2024", ha aggiunto François Rimeu.

In sintesi, l'esperto prevede che il prossimo annuncio della BCE si concentrerà sul messaggio “tassi di interesse più alti e più a lungo” in vista dell'obiettivo di riportare l'inflazione al 2% entro la fine del 2025 e che terrà aperta la porta a ulteriori rialzi dei tassi in futuro, visti i rischi di aumento dell'inflazione. "Crediamo che questa riunione intermedia avrà un impatto limitato sui mercati finanziari," ha concluso l'esperto.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutte le ultime su: tassi interesse , bce