NAVIGA IL SITO

Oro in forte recupero, debole il brent

Debolezza per le quotazioni dell’oro nero che nonostante nel medio termine mantengano un’impostazione laterale nel breve termine hanno registrato un ritorno della vendite

di Redazione Soldionline 13 dic 2012 ore 11:16

A cura di Marco Dall’Ava, di XTB Italia (marco.dallava@xtb.it)

Debolezza per le quotazioni dell’oro nero che nonostante nel medio termine mantengano un’impostazione laterale nel breve termine hanno registrato un ritorno della vendite. In seguito al test con relativo mancato superamento dei massimi relativi precedenti dello scorso 19.11, dove si è formato un pattern candlestick di indecisione, sono iniziate le vendite sulla commodity che hanno condotto il brent al test del supporto posto a 109.17. Come segnalato la scorsa settimana in caso di violazione ribassista di questo supporto statico il quadro tecnico si sarebbe almeno parzialamente deteriorato. Così è stato e in seguito al breakout ribassita del supporto sono riprese le vendite col raggiungimento del successivo livello posto a 106.82 dal quale è iniziata una fase di rimbalzo. Stamane si è registrata un’apertura in gap down, che ha condotto il sottostante a testare nuovamente i minimi di periodo, gap che potrebbe manifestare l’esaurimento della tendenza ribassista in atto. Il livello da monitorare con massima attenzione sono proprio i minimi di periodo, se dovessero riuscire a reggere ad ulteriori pressioni ribassiste il brent potrà rivedere gli acquisti nelle prossime ore/giornate con target che posizioniamo a 110.20; primo segnale positivo la chiusura del gap down formatosi oggi e relativo superamento della resistenza posta a 107.39.
Se viceversa le vendite proseguissero allora torneremmo a testare area 106.12 ed eventualmente non escludiamo anche un ritest dei minimi di periodo dello scorso novembre.

Figura 1 – OIL
 
oil_1312


Complice la positiva impostazione dei mercati finanziari durante le ultime giornate sono proseguiti gli acquisti di rame durante le ultime giornate raggiungendo e successivamente anche superando il target che ci eravamo prefissati a 8044$. L’impostazione del sottostante rimane chiaramente positiva, facilmente intuibile attraverso la definizione da parte del copper di nuovi massimi e minimi crescenti. Studiando il comportamento degli indicatori possiamo tuttavia notare come si stia registrando un primo indebolimento della tendenza rialzista in atto, in seguito alla formazione sia sul Rsi che sullo Stocastico di divergenze negative e su quest’ultimo si è già configurato un segnale short.


Abbiamo evidenziato sul grafico i primi livelli supportivi, il primo dei quali posto a 7974 che in caso di rottura causerebbe un ribasso fino a 7881-7861 supporti importanti anche nel medio termine. Solo una rottura dell’ultimo livello di supporto con conferme su ampi timeframe andrebbe a deteriorare il quadro tecnico rialzista attuale rischiando di generare ulteriori affondi ribassisti.

Figura 2 – COPPER
copper_1312

Molto positivo il movimento registrato nelle ultime giornate sul metallo prezioso che dopo aver definito un triplice test dell’area supportiva posta tra 1688-1690 ha rivisto un ritorno degli acquisti conducendo l’oro agli attuali 1715. Già in precedenza avevamo definito la rilevanza dell’area supportiva sopra citata che avrebbe potuto portare un ritorno degli acquisti, mettendo così a fine il ribasso intercorso dopo il test dei massimi a 1750$. Sicuramente significativo il movimento del mercato registrato il 7.12 con la candela su timeframe H4 delle ore 12.00 che dopo l’ennesimo test, il terzo, dei supporti ha configurato un pattern candlestick con una pronunciata lower shadow, segnale che evidenziava un possibile ritorno degli acquisti sul gold, così come si è configurato durante le ultime sedute. Anche gli indicatori, esattamente sui medesimi livelli dove i prezzi hanno raggiunto i supporti, erano giunti in area di ipervenduto mostrando i primi chiari segnali di inversione. Obiettivo del movimento rialzista lo poniamo a 1727.14-1733.38 livelli dai quali potrà formarsi una fase correttiva.

Figura 3 – GOLD
gold_1312

Tutte le ultime su: oro , petrolio
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.