NAVIGA IL SITO

La scalata di Ripple, l’anti bitcoin. Ecco perché ora piace alle banche (Corriere della Sera)

di Mauro Introzzi 3 gen 2018 ore 06:51 Le news sul tuo Smartphone

bitcoin_5Il quotidiano descrive le principali caratteristiche di Ripple, divenuta in queste settimane la seconda criptovaluta per capitalizzazione in scia al bitcoin dopo un 2017 che l’ha vista apprezzarsi di ben il 36.018%. Il Corriere della Sera evidenzia come nonostante un fine medesimo (decentralizzare le informazioni), Ripple sia molto diverso dalla moneta digitale più celebre. Innanzitutto è stato creato da una società californiana, che ha raccolto diverse decine di milioni di investimenti anche dalle banche come il Santander. In sostanza - riporta il quotidiano - “si tratta di un protocollo che permette di avere un libro mastro delle operazioni decentralizzato ma comunque certificato da alcuni grandi nodi della Rete, come gli operatori telefonici o le istituzioni accademiche (nella fattispecie il Mit di Boston)”. In altre parole non nasce come strumento anonimo e rivoluzionario come il bitcoin, il cui fine è sfuggire a qualunque autorità monetaria, ma permette allo stesso modo l’uso della blockchain.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutte le ultime su: ripple , bitcoin
da

ABCRisparmio

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Il cassetto fiscale è un archivio online tramite il quale ogni contribuente può consultare qualsiasi informazione riguardante la propria posizione fiscale Continua »