NAVIGA IL SITO

L’Opec snobba Trump, la produzione non cresce e il greggio vola ai massimi (La Repubblica)

di Francesca Secci 25 set 2018 ore 09:21 Le news sul tuo Smartphone

piattaformaDonald Trump, si legge in un articolo sulla Repubblica di quest'oggi, mentre da un lato deve destreggiarsi nella campagna elettorale di metà mandato, dall'altra deve far fronte agli interessi dei paesi produttori di petrolio e delle compagnie petrolifere private.

Il prezzo del greggio è ai massimi, e sfiora gli 81 dollari a barile in Europa.

La causa di questo aumento, scrive il quotidiano, è da rinvenirsi nell'aggressiva politica estera di Trump nei confronti dell'Iran.

Per evitare un ulteriore rincaro, Trump ha chiesto aiuto ai paesi dell'Opec e della Russia, ma la prima ha rifiutato.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutte le ultime su: petrolio

Guide Lavoro

Gli incentivi per l'assunzione di lavoratori

La legge riconosce sgravi contributivi per le assunzioni di persone in particolari condizioni. L’incentivo ha un’entità e una durata variabile. In questa guida tutti i bonus attualmente in vigore

da

ABCRisparmio

Come funziona la cedolare secca

Come funziona la cedolare secca

La cedolare secca consiste in un’imposta sostitutiva dell’Irpef e delle addizionali che si applica a redditi derivanti dalla locazione di immobili Continua »