NAVIGA IL SITO

Iran, scure di Washington sul petrolio. L’Eni: non siamo attivi a Teheran (Corriere della Sera)

di Mauro Introzzi 23 apr 2019 ore 06:59 Le news sul tuo Smartphone

petrolio_19Il quotidiano commenta la scelta degli Stati Uniti di porre fine, dal prossimo 2 maggio, alla deroga per l’importazione di petrolio iraniano, di cui otto Paesi tra cui l’Italia godevano dal novembre scorso. Il Corriere della Sera riporta poi la posizione di Eni sulla questione: il cane a sei zampe ha spiegato di non essere presente in Iran e che “non ha effettuato importazioni di greggio durante il periodo oggetto dell’esenzione”.

Degli otto paesi oggetto della deroga Italia, Grecia e Taiwan avrebbero già bloccato le proprie importazioni mentre Cina, India, Turchia, Giappone e Sud Corea hanno continuato a rifornirsi. E, se continueranno a farlo andranno incontro a sanzioni economiche.

Il quotidiano evidenzia come la decisione della Casa Bianca abbia spinto ieri le quotazioni del petrolio ai massimi da sei mesi, con il Brent oltre i 74 dollari al barile e il Wti a quasi 66 dollari. 

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutte le ultime su: petrolio
da

SoldieLavoro

Reddito di residenza attiva: 700 euro al mese per trasferirsi in Molise

Reddito di residenza attiva: 700 euro al mese per trasferirsi in Molise

Ma bisogna anche viverci davvero e soprattutto avviare una attività economica. In questa guida ecco come funzionerà il cosiddetto "Reddito di residenza attiva" Continua »

da

ABCRisparmio

Cuneo fiscale: cos’è e perché tagliarlo

Cuneo fiscale: cos’è e perché tagliarlo

Ne sentiremo parlare nei prossimi mesi. Perché la riforma del cuneo fiscale fa parte del programma del nuovo governo. Vediamo cos'è il cuneo fiscale e perché tagliarlo Continua »