NAVIGA IL SITO

Investimenti in oro e diversificazione

Nessun asset è destinato a funzionare per sempre, né le azioni, né gli immobili, né l’oro. Per questo una buona diversificazione del portafoglio è fondamentale per ridurre il rischio dei propri investimenti

di Redazione Soldionline 3 feb 2011 ore 12:31
Adrian Ash  – a cura di BullionVault.it

Nessun asset è destinato a funzionare per sempre, né le azioni, né gli immobili, né l’oro. Per questo una buona diversificazione del portafoglio è fondamentale per ridurre il rischio dei propri investimenti.  

Le commodities funzionano bene in questo momento, ma non è sempre stato così: tra gli anni ’80 e ’90, e nonostante l’inflazione, un’importante flessione coinvolse tutte le materie prime. Tra il 1980 e il 2000, gli immobili residenziali acquistarono valore, i titoli azionari US superarono di 13 volte il costo della vita, i bond del tesoro avevano un rendimento medio dell’8% annuo, e persino i rendimenti dei conti bancari garantivano un raddoppio del potere d’acquisto. Nello stesso momento le materie prime (secondo l’indice CRB) ebbero una flessione che ne portò il prezzo, aggiustato all’inflazione, a meno della metà.  

Negli ultimi 11 anni invece la tendenza è stata opposta. Così come era accaduto durante gli anni ’70 il prezzo delle materie prime ha avuto un incremento che ha portato l’indice CRB a triplicare. Il prezzo dell’oro, allo stesso modo, ha continuato a salire, anno dopo anno. Il prezzo degli immobili si è gonfiato e poi è esploso, le azioni non hanno dato significativi profitti (e hanno invece sofferto due crolli, dividendi compresi) e il rendimento reale sui conti bancari è ormai sotto lo zero.

I Treasury rimangono un enigma. Hanno continuato a crescere, in un bull che dura da trent’anni.

“È una combinazione insolita: normalmente la performance dell’oro e dei Treasury è di correlazione inversa” scrisse l’Economist la scorsa estate. “Possedere oro è tradizionalmente una protezione contro l’inflazione, la quale è generalmente un nemico per chi possiede bond governativi.”

Sia l’oro che i bond governativi sono “porti sicuri” argomentava l’Economist. Ma le crisi del 2007 e del 2009 non spiegano questo enigma (entrambi gli asset in uptrend) durato dieci anni. Le banche centrali tengono i rendimenti bassi “in maniera artificiale” mantenendo i Treasury alti grazie al quantitative easing, mentre il prezzo dell’oro sale a causa (così sembra) dell’inflazione. Eppure, sia i bond che l’oro fisico erano in crescita prima che Bernanke decidesse di stampare altri biglietti verdi. La risposta più semplice sembra essere che gli investitori sapevano che le banche centrali avrebbero fatto ricorso all’inflazione, ma fu la minaccia della deflazione che rese davvero appettibili i bond.

“La direzione della politica ufficiale (tassi bassi, quantitative easing, deficit nazionali difficili da gestire) sembra inflazionaria, ma i fondamentali economici (gap di produttività e poca crescita del credito) sono deflazionari”, scrive l’Economist, che conclude: “Gli investitori che comprano bond e oro stanno proteggendo gli altri investimenti.”

All’inizio del 2011, l’oro ha totalizzato 10 anni di profitti reali anno su anno. I Treasury hanno avuto un incremento per circa trent’anni. I due prodotti sono scelti dagli stessi investitori? La maggior parte degli investitori in oro fisico non ama particolarmente i bond. Sopratutto, data la legge infallibile secondo la quale nessun investimento funziona per sempre, uno dei due, o entrambi, sono destinati prima o poi a crollare.

Sia che gli investitori temano l’inflazione o la auspichino, i rendimenti dei bond cadono quando i prezzi salgono. Quindi, grazie a tassi di interesse più  bassi dal 1982, i bond sono cresciuti per tutta la durata di una generazione.

L’oro, d’altra parte, non rende nulla. Dopo un ventennio di bear market, è in crescita dal 2001 (e dal 2005 in maniera imponente) in coincidenza con la caduta a picco dei tassi di interesse.  

Cosa accadrà  d’ora in poi non dipende dall’oro, immutabile nel bene e nel male da millenni. Dipende piuttosto dalle altre scelte che gli investitori decidono di fare.  

Per quanto riguarda le azioni, altri 10 anni di rendimenti poveri nel mercato azionario probabilmente causerà una nuova “Death of Equities” simile a quella che al termine degli anni ’70 segnò il bottom dei mercati azionati mondiali, e il picco del bull dell’oro. Non c’è ovviamente alcuna garanzia che l’oro aspetterà che il mercato azionario tocchi il fondo (peraltro ancora ben lontano) prima di andare esso stesso in flessione. È anche vero che l’oro tende ad essere meno utile quando il rendimento degli altri asset sale.  

Che la si voglia chiamare diversificazione, o assicurazione, è certo che il prezzo dell’oro tende a crescere quando gli altri investimenti falliscono.
Tutte le ultime su: oro
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

Guide Lavoro

Il contratto di lavoro a chiamata

Il contratto di lavoro a chiamata consente di svolgere lavoro a intermittenza (job on call, in inglese). Tramite questo contratto, il datore di lavoro può ricorrere a lavoratori per brevi periodi di tempo in cui ha particolari necessità

da

ABCRisparmio

Lotteria degli scontrini: come si partecipa (e si vince)

Lotteria degli scontrini: come si partecipa (e si vince)

La lotteria degli scontrini è una delle manovre che secondo l’attuale esecutivo dovrebbe favorire il riemergere di una certa parte di sommerso. Vediamo cos’è e come funziona Continua »