NAVIGA IL SITO

Dollaro-centrismo ancora presente

La volatilità apprezzata sui mercati finanziari la scorsa settimana è stata elevata e segue la scia di una tendenza che quasi da un anno a questa parte l’ha vista spezzare livelli di minimo storico

di Redazione Soldionline 21 apr 2015 ore 09:46

A cura di FXCM

La volatilità apprezzata sui mercati finanziari la scorsa settimana è stata elevata e segue la scia di una tendenza che quasi da un anno a questa parte l’ha vista spezzare livelli di minimo storico (vedi 2013 e prima parte del 2014) a favore di un ritorno ad ampie oscillazioni di prezzo che quotidianamente caratterizzano i nostri grafici. Non c’è perciò da stupirsi se su base giornaliera assistiamo ad escursioni di prezzo che rientrano nella media storica per ciascuno strumento finanziario e che spesso sovraperformano tale valore, consentendo così ai trader intraday di poter cogliere ampie opportunità di profitto laddove aumentano anche specularmente i rischi che vanno ponderati e contenuti attraverso l’utilizzo di opportuni schemi di protezione quali la scelta della giusta size in primis e l’inderogabile immissione dello stop loss in secondo luogo.
valute2Tali spunti di riflessione sorgono sulla base di una settimana, quella che ci apprestiamo a vivere, che dal punto di vista dei market mover risulta tra le più scarne del recente passato e che dunque difetta di un vero propulsore in grado di spingere i mercati verso forti strappi e condurre dunque ai famosi breakout della volatilità forieri di direzionalità. Ciò non vuol dire che queste caratteristiche non potranno palesarsi comunque a fronte di livelli tecnici che potranno essere violati e che quindi potranno far scattare ordini importanti, ma significa che ciò è meno probabile da un punto di vista statistico, concetto che poi rappresenta il fondamento  di ogni logica di trading. La giornata di ieri in tal senso è stata piuttosto emblematica e non ci ha regalato movimenti degni di nota  e verosimilmente quella di oggi potrà in qualche modo emularla sebbene valga la pena focalizzare l’attenzione su qualche spunto rilevane. In primo luogo, poche ore fa sono state rilasciate le Minute della Reserve Bank of Australia che (tanto per cambiare) hanno reiterato sul fatto che un dollaro australiano più debole favorirebbe l’economia del paese, indebolita dall’importante calo del prezzo delle materie prime. E’ apparso velato infatti un certo tono di preoccupazione infatti per quelle che sono le prospettive di crescita, l’occupazione e il lato investimenti sia nel settore minerario che non. Ancora, nel documento è riportato che i tassi di interesse attuali vengono ritenuti appropriati per questo momento storico laddove però  è apparso in qualche modo che l’istituto centrale oceanico non ritenga che una politica monetaria espansiva (quindi un taglio dei tassi) possa risultare efficacia per rilanciare la domanda. Le aspettative in tal senso, che pure nelle ultime settimane si sono costituite, appaiono dunque sedate anche se le reazioni del mercato sono state piuttosto tiepide in relazione a un raffreddamento sul fronte di ritocco della leva tasso di interesse: il cambio AudUsd è infatti ulteriormente sceso dopo gli storni di inizio settimana andando a rimettere in discussione la soglia di 0,77 e lasciando paventare, da grafico daily, la possibilità dunque di estensione verso i livelli di minimo che comunque andrà studiata nel dettaglio sui livelli tecnici di breve. Il calendario macroeconomico ci riserverà questa mattina lo ZEW tedesco e quello dell’Eurozona nel suo complesso, mentre nel pomeriggio la release di maggior rilievo appare quella sulle Vendite all’Ingrosso del Canada: sul primo fronte è difficile attendersi reazioni volatili da parte dell’Eurodollaro mentre sul secondo è verosimile che il dollaro canadese continui a mostrare la sua grande reattività di fronte alle pubblicazioni macro e che magari prosegua sull’onda di dati positivi in grado dunque di portare a rafforzamenti ulteriori di Cad e discese dunque del cambio UsdCad. Per quanto però le dinamiche macro delle varie aree economiche di riferimento  possano impattare sulle singole valute, è opportuno ricordare come il dollaro-centrismo che ha caratterizzato il mercato fino a venerdì sia ancora presente e come dunque possa tornare a manifestarsi per portare a flussi univoci di dollaro in grado di muovere all’unisono i cambi originali. E al momento, naturalmente, il biglietto verde mantiene un’indubbia posizione di forza che fa prevalere l’idea che esso possa tornare a rafforzarsi diffusamente nei confronti delle altre divise.
 

ANALISI TECNICA VALUTE
Euro-Dollaro

Il quadro ribassista del cambio resta ancora prevalente, con il grafico giornaliero che ci mostra  ancora un arresto delle salite e delle probabili importanti ripartenze al ribasso dopo la buona tenuta di area 1,0850. Il 4 ore ci consente di visualizzare maggiormente nel dettaglio le successive rotture sotto 1,0740 che per la verità ieri non si sono palesate come “definitive”, dal momento che il pomeriggio è stato caratterizzato da una congestione compresa tra 1,0720e 1,0760. Per quanto dunque ci troviamo all’interno di un canale rialzista comunque correttivo, l’impostazione tecnica da grafico orario sembra poter assumere i contorni ribassisti vista, in primo luogo, l’ottima confluenza grafica ora formatasi a 1,0740 che dunque funge da resistenza per obiettivi di prezzo a 1,0695. Livello quest’ultimo che deve sì essere considerato di supporto, valido per acquisti ma con immissione molto ravvicinata di stop loss laddove, se venisse violato, potrebbe portare il prezzo a discrete discese verso 1,0645. Per posizioni rialziste più conservative considereremo il superamento di 1,0765 a favore di 1,0820 prima e 1,0850 poi.

euro-dollaro_9

Dollaro-Yen
Il grafico giornaliero ci ha mostrato ieri dei pattern rialzisti, con test dei supporti a 118,55 e riassorbimento dell’offerta verso chiusure giornaliere a 119,25 in grado dunque di portare a nuovi acquisti che tecnicamente possono condurci fino anche a 119,70. Quella dunque potrebbe rappresentare una nuova area di vendita, dove anche assistere alla formazione di verosimili divergenze prezzo/stocastico sul time frame a 1 ora. In tal caso l’area di 119,50 potrà tornare a fare da supporto per sostenere il prezzo verso eventuali rotture rialziste in direzione 120. Sotto 119,25 possibili nuove vendite verso 119,05, vero punto trigger short verso 118,80 e 118,55.

usdjpy_154

Sterlina-Dollaro
Conformazione daily che potrebbe suggerire dunque nuovi ribassi per il cable, che comunque passeranno dal cedimento di 1,4850 per  procedere in maniera più strutturale. Su un grafico a 4 ore è adesso ben visibile la correzione rispetto alla salita della settima scorsa che potrebbe trovare sviluppi rialzisti solo a superamento al rialzo di 1,4920 in direzione 1,4985. Rotture sotto 1,4850 invece vedrebbero 1,4810 come primo obiettivo e 1,4775 come secondo.

gbpusd_78

DOLLARO AMERICANO - DOLLARO AUSTRALIANO
Come già commentato nella prima parte del contributo, l’australiano ci fornisce buone basi tecniche per ritenere verosimili ribassi in ottica multiday. Ciò è tanto più vero al superamento di 0,77 in favore di 0,7645.  Sul grafico orario è ravvisabile una buona impostazione bearish con pullback di breve verso 0,7705 e ripartenze verso 0,7670 e dunque 0,7645. Ritorneremo rialzisti sopra 0,7730 per riguardare a 0,7765.

audusd_97

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

ABCRisparmio

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Il cassetto fiscale è un archivio online tramite il quale ogni contribuente può consultare qualsiasi informazione riguardante la propria posizione fiscale Continua »