NAVIGA IL SITO

Debolezza per Brent e Oro

Tendenza negativa proseguita durante le ultime giornate per le quotazioni del brent che si è così portato a testare i nostri primi target ribassisti definiti nelle precedenti settimane

di Redazione Soldionline 19 set 2013 ore 10:53
A cura di Marco Dall’Ava, di XTB Italia (marco.dallava@xtb.it)

Tendenza negativa proseguita durante le ultime giornate per le quotazioni del brent che si è così portato a testare i nostri primi target ribassisti definiti nelle precedenti settimane. Molto bene ha funzionato l’area di inversione che avevamo evidenziato nella scorse settimane (116.43-115.55) che dai massimi relativi dello scorso 28.08 ha definito un trend ribassista ancora attualmente in corso. Nella giornata di lunedì la commodity ha raggiunto il nostro obiettivo minimo del movimento, 108.87, livello violato successivamente nel pomeriggio di ieri e che ha definito una nuova veloce discesa fino a 107.61. Tale supporto, nel breve termine, potrà a nostro avviso sostenere l’oro nero mettendo così fine ad una prima parte del movimento discendente disegnando nelle prossime sedute un rialzo fino all’area prossima ai 111$ al barile ed eventualmente non escludiamo un approdo fino a 111.65. Entrambi queste areee in caso di raggiungimento potranno risultare interessanti livelli dove prendere profitto dell’operatività long di breve e girarsi nuovamente in short con possibilità di registrare un ribasso anche sotto i recenti minimi definiti ieri. La nostra view di rimbalzo viene ulteriormente confermata da chiare divergenze positive in configurazione sia sul Rsi che sullo Stocastico che mostrano l’allentamento delle pressioni ribassiste in atto. Una negazione dello scenario sopra descritto, che riporterebbe immediatamente nuove vendite, si avrebbe in caso di cedimento di area 107.40.
Ricordiamo inoltre che oggi, come ogni mercoledì alle ore 16.30, verranno diramate le scorte settimanali di petrolio, attese riviste in discesa a –1.2 M di barili in diminuzione rispetto a sette giorni fa.

grafico-petrolio-19-09-2013

Debolezza anche per le quotazioni dell’oro che prosegue nella tendenza discendente di breve termine e che si è riportato durante le ultime ore frazionalmente sotto l’area psicologica dei 1300$ l’oncia. Anche in questo caso qualora i minimi registrati durante la seduta asiatica dovessero sostenere il metallo prezioso potremo registrare una fase di rimbalzo tecnico con possibilità di riportarci prima in area 1310.65 e successivamente fino a 1318.29. View confermata da divergenze positive sua sul Rsi che sullo Stocastico sui vari timeframe analizzati. Per assistere tuttavia ad un ulteriore segnale di forza e di possibile ingresso long dovremo attendere un primo breakout della resistenza passante in area 1323-1325 che aprirebbe spazio per una salita fino alle resistenze indicate.

grafico-oro-19-09-2013


Cosa ci attendiamo per la soia nella prossime sedute? Analizzando il grafico su timeframe H4 possiamo evincere come il tendenza sia chiaramente positiva e a partire da fine agosto si stia configurando un semplice movimento correttivo che consente agli indicatori di breve termine di scaricarsi prima di ripartire nuovamente al rialzo. In questo istante il prezzo della soia è pari a 1340.19$ riteniamo che la discesa in corso nelle ultime sedute possa proseguire fino al supporto indicato stante tra 1314.81-1307.37 livelli che potranno sostenere i prezzi portare gli indicatori a scaricarsi, raggiungendo così l’area di ipervenduto, definendo secondariamente un nuovo rialzo fino a 1371.68-1380.04. Solo qualora la discesa in corso nelle ultime sedute dovesse proseguire violando il supporto a 1307.37, con conferme su ampi timeframe, il quadro tecnico subirebbe un deterioramento registrando una conseguente discesa fino alla successiva area supportiva

grafico-soia-19-09-2013
Tutte le ultime su: petrolio , oro
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.