NAVIGA IL SITO

Coriandoli su Draghi, ma non a festa

A parte il curioso siparietto coriandolesco di ieri non ci sono arrivate novità di sorta dalla BCE che ha lasciato i tassi al minimo storico dello 0.05% e che ha approvato il bilancio 2014

di Redazione Soldionline 16 apr 2015 ore 09:37

A cura di FXCM

A parte il curioso siparietto coriandolesco di ieri (un’attivista è balzata sul desk dal quale Draghi stava tenendo la conferenza stampa che segue la decisione sui tassi inveendo conto la dittatura della BCE e lanciando coriandoli al numero uno dell’istituto di Francoforte), non ci sono arrivate novità di sorta dalla BCE che ha lasciato i tassi al minimo storico dello 0.05% e che ha approvato il bilancio 2014.
Per quanto concerne l’Italia una novità c’è: verrà annoverata tra gli istituti che possono accedere al circuito della BCE e quindi beneficiare del QE in atto anche la Cassa Depositi e Prestiti, il gruppo che gestisce il risparmio postale degli italiani, il quale ha raggiunto i 10 miliardi di emissioni in titoli e dunque presenta i requisiti per ricevere questi “aiuti”, sì, definiamoli ancora così. Dal punto di vista valutativo occorre ancora tempo per comprendere quali possano essere gli effetti del QE, il quale “deve essere implementato” prima di poter mostrare i propri effetti, un programma definito da Draghi flessibile e che dovrà aiutare a raggiungere un’inflazione vicina al 2% nel medio periodo.
draghi-coriandoli Inflessibilità sulla Grecia, dalla quale ci si aspetta il pagamento di tutti i debiti e non si prende nemmeno in considerazione l’ipotesi di un’insolvenza da parte di Tsipras e aspettative sulla crescita più equilibrate, con la domanda interna tornata a fare da traino per la ripresa. Queste, in sintesi, le comunicazioni arrivateci da Francoforte, le quali sono state in grado di rendere l’esordio di mercoledì di Draghi un appuntamento non in grado di muovere i mercati in maniera significativa (ma questo ce lo attendevamo in quanto le aspettative sui qualsiasi argomento trattato erano ben ancorate e non sono state disattese, né in negativo, né in positivo). Le borse continuano a rimanere sostenute e continueremo a seguirle in base ai ragionamenti effettuati durante le ultime settimane (possibilità di nuovi massimi ma senza esclusione di correzioni sotto punti tecnici che vedremo all’interno del Morning Meeting delle ore 9.30), mentre il dollaro continua la sua correzione a ribasso contro tutte le major e materie prime, non un’inversione di trend ma movimenti che potrebbero portare ad approfondimenti ulteriori del biglietto verde, prima di poter valutare una sua eventuale ripartenza.


ANALISI TECNICA VALUTE
Euro-Dollaro

Abbastanza sporco tecnicamente l’euro il quale si è allontanato (seppur non di molto) dalla media a 21 oraria che ora potrebbe intervenire come area di supporto sulla quale non valuteremo eventuali possibilità di acquisti in limit ma che cureremo per valutare eventuali possibilità di acquisti di euro in caso di tenuta dei supporti e di superamento a rialzo di area 1.0705 per estensioni verso i massimi di ieri che, se raggiunti con stocastico orario girato a rialzo e lontano dall’ipercomprato (area 1.0755 risulta essere la più importante a nostro parere), potrebbero lasciare spazio a tentativi di estensione verso 1.0785. Nel momento in cui dovessimo invece assistere a superamenti a ribasso di area 1.0635 il mercato potrebbe tentare delle potenziali estensioni verso figura.

eurusd_341

Dollaro-Yen
Il mercato durante la notte si è portato alla ricerca delle resistenze, che si distribuiscono tra 119.35 e 119.50 e, successivamente, tra 119.65 e 119.75. In base all’aggressività ed alla propensione al rischio di ognuno potrebbe essere possibile valutare eventuali acquisti di yen sia all’interno della prima area che all’interno della seconda, farebbero senso entrambe le impostazioni, con la prima zona citata che potrebbe essere sfruttata come visto sull’euro soltanto per valutare la sua eventuale tenuta, indice di potenziali approfondimenti ribassisti del dollaro da poter sfruttare in caso di rottura ribassista di area 119.05 (se raggiunta con stocastico orario lontano dall’ipervenduto) per eventuali estensioni verso i minimi della notte ed area 118.30 (in caso di superamento dei minimi precedenti passanti per 118.65. Nel momento in cui i prezzi dovessero superare le prime resistenze, attenderemo l’eventuale raggiungimento delle seconde sulle quali iniziare a valutare potenziali vendite del biglietto verde per ritorni dapprima su 119.40 ed eventualmente 119.15.

usdjpy_150


Sterlina-Dollaro

Sterlina che si trova sopra potenziali aree di supporto, le quali si distribuiscono tra 1.4800 e 1.4820, dove potrebbe essere possibile valutare eventuali acquisti di pound per tentativi di approfondimenti rialzisti verso 1.48 ¾ e, in caso di superamento di area 1.4885, 1.4930, tenendo conto che, qualora i prezzi dovessero ripiegare sotto area  1.4760, potremmo attenderci dei potenziali tentativi di estensioni a ribasso verso 1.47 figura.

gpbusd_22


DOLLARO AMERICANO - DOLLARO AUSTRALIANO

Tasso di disoccupazione inferiore rispetto alle attese (6.1% vs 6.3%) e dollaro australiano acquistato in maniera decisa, sfruttando anche il fatto che il dollaro americano, come visto, è stato venduto contro tutte le major – discorso valido anche per gli acquisti di dollaro canadese sempre contro il greenback dopo la decisione della BoC di non modificare il costo del denaro lasciandolo ieri allo 0.75%). Tra 0.7690 e 0.7735 il mercato mostra delle buone fasce di supporto che potrebbero essere sfruttate per valutare degli acquisti di dollaro australiano. Dal punto di vista operativo l’idea è quella di valutare l’area passante tra 0.7700 e 0.7715 come trigger (per ripartenze verso 0.7750, 0.77 ¾ e potenziali estensioni verso 0.7810) , tenendo conto che ritorni sotto zona 0.7685 potrebbero lasciare spazio verso 0.7665, livello oltre il quale potrebbe essere possibile cominciare a valutare acquisti di dollaro americano per approfondimenti verso 0.7640 e 0.7620. Nel momento in cui non dovessero essere raggiunti i supporti, potremmo ragionare come su euro e yen attendendo l’eventuale approfondimento diretto rialzista oltra area 0.7765 per target uguali a quelli già visti in caso di partenza rialzista dei prezzi.

audusd_95

Tutte le ultime su: forex , bce , mario draghi
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

Guide Lavoro

Unisalute: cos'è e come funziona

Unisalute è una società assicurativa specializzata nella sanità. Fa parte del gruppo Unipol e gestisce numerosi fondi di assistenza sanitaria integrativa e casse professionali