NAVIGA IL SITO

In Italia con la crisi si taglia sull'auto. Macinare km piace agli umbri, i liguri i più sedentari

Milano - (Adnkronos/ign) - Nel Belpaese è l'automobile a fare le spese della crisi. Si usa di meno rispetto a soli 3 anni fa: è l'inizio della fine di uno degli 'status symbol' più amati degli italiani? Sono gli umbri a muoversi di più, mentre i liguri sono in testa tra i sedentari. La professione ''itinerante'' per eccellenza resta quella dell'agente di commercio

Milano, 17 set. (Adnkronos/Ign) - La crisi economica influisce sulle abitudini degli italiani e, a sorpresa, colpisce uno degli 'status symbol' più amati: l'automobile. La recessione ha infatti spinto a muoversi di meno con l apropria autovettura e ogni guidatore ha percorso in media 12.500 chilometri nel corso dell'ultimo anno, circa 5 mila chilometri in meno rispetto al 2006. È quanto emerge dai dati diffusi da Assicurazione.it.I guidatori più assidui nell'ultimo anno sono stati gli umbri (15.220 chilometri), i lucani (14.554) e i molisani (14.340). I più sedentari i liguri (11.427), i siciliani (11.802) e i campani (12.091). Guardando alle altre regioni italiane, dai dati emerge che, al Nord, in Trentino si guida più che in Lombardia, Piemonte e in Veneto e, al Sud, i pugliesi amano stare al volante più di sardi e calabresi. Al Centro, infine, marchigiani, emiliani e toscani macinano più chilometri di abruzzesi e laziali.Per quanto riguarda le professioni, quella più ''itinerante'' è quella degli agenti di commercio, ma anche gli ecclesiastici, con i loro 13.100 chilometri, viaggiano più di studenti (12.200) e operai (12.900). Le categorie meno propense a mettersi al volante sono risultate le casalinghe (10.600), i pensionati (11.052) e gli insegnanti (11.335). Un medico viaggia in media 13.350 chilometri, più di quanto non facciano un commerciante (13.064) o un dirigente 13.200, ma meno di un rappresentante delle forze armate (13.600) o di un libero professionista (14.400). Infine in un anno, i single hanno guidato in media mille chilometri in più rispetto a chi è sposato, mentre l'avere figli o meno sembra non influire su quanto si guida.
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.