NAVIGA IL SITO

Da Bill Gates al re della Nutella, ecco gli uomini più ricchi del mondo

Il patron di Microsoft è in testa seguito da Warren Buffet e Carlos Slim. Ma la crisi colpisce anche i miliardari: per tutti e tre infatti si registrano forti perdite e un terzo di quanti detengono super patrimoni esce dalla classifica di Forbes. Il primo italiano, Michele Ferrero, compare in quarantesima posizione

Roma, 12 mar. (Adnkronos) - La crisi colpisce anche il patrimonio dei miliardari. Tanto che, rispetto allo scorso anno, un terzo esce dalla classifica di Forbes: un anno fa erano 1.125, oggi sono 793, e hanno perso circa 2mila miliardi di dollari.Anche in testa alla graduatoria pesano gli effetti dello tsunami finanziario che ha attraversato il 2008. Torna in prima posizione Bill Gates, con 40 miliardi di dollari, seguito dall'americano Warren Buffet, con 37 miliardi, e dal magnate messicano delle telecomunicazioni Carlos Slim con 35. Ma per tutti e tre si registrano forti perdite: il patron di Microsoft un anno fa godeva di una fortuna di 58 miliardi, Buffet di un patrimonio superiore ai 62 miliardi e Carlos Slim di 60 miliardi di dollari. In totale, fanno 68 miliardi di dollari in meno.Per arrivare a un nome italiano è necessario scendere alla quarantesima posizione, occupata dal padre della Nutella, Michele Ferrero, con un patrimonio valutato intorno ai 9,5 miliardi di dollari. Seguono, a distanza, al settantesimo posto Silvio Berlusconi e famiglia con 6,5 miliardi di dollari e Leonardo del Vecchio di Luxottica, al settantunesimo posto con 6,3 miliardi. Per trovare altri italiani bisogna scendere di molto. Si arriva a Giorgio Armani al duecentoventiquattresimo posto con 2,8 miliardi.L'effetto crisi modifica notevolmente anche la geografia della ricchezza mondiale. Soprattutto per le perdite registrate dai miliardari russi, indiani e turchi. New York è tornata ad essere 'Paperopoli', con 55 super ricchi, rimpiazzando Mosca, che l'anno scorso ne aveva 87 e oggi ne conta 'solo' 32. Ha fatto anche peggio l'India che ha perso quasi la metà dei suoi super miliardari (da 53 a 24): soltanto due indiani, il magnate dell'acciaio Lakshmi Mittal e il re del petrolchimico Mukesh Ambani sono nella classifica dei primi venti.Ad uscire come assoluto vincitore dall'anno della crisi è il sindaco della Grande Mela, Michael Bloomberg. E' l'unico magnate a non aver accusato perdite, avendo anzi incrementato il proprio patrimonio da 11,5 a 16 miliardi di dollari. Secondo Forbes, è oggi l'uomo più ricco di New York e figura tra i primi 17 al mondo, mentre un anno fa era sessantacinquesimo. Nella sua performance pesa soprattutto la rivalutazione dell'agenzia Bloomberg, dopo l'acquisto del 20% di Merrill Lynch.L'età media degli uomini più ricchi al mondo è pari a 63,7 anni, lievemente superiore al 2008. Il premio 'milionario più giovane' è andato al tedesco Albert Thurn und Taxis, mentre nella lista non c'è il fondatore di Facebook, Mark Zuckerberg.
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.