NAVIGA IL SITO

Unimpresa, presentato documento lavoro al Mise, focus su credito e innovazione

In occasione dell’avvio del 'Cantiere pmi'

di Redazione Soldionline 9 ott 2020 ore 15:34

A cura di Labitalia/Adnkronos

 

italia-soldiDal credito per le pmi all’innovazione, dalla patrimonializzazione delle aziende alla cooperazione fra committenti e fornitori, dall’istruzione al digital&green, dalla rappresentanza alla comunicazione. Sono questi i capitoli di un articolato documento di lavoro che Unimpresa ha presentato ufficialmente al ministero dello Sviluppo economico in occasione dell’avvio del 'Cantiere pmi' presieduto dai sottosegretari Gian Paolo Manzella e Alessia Morani.
"Le iniziative progettuali inviate al ministero sono state accolte favorevolmente. Abbiamo suggerito di rendere permanente il Cantiere pmi con una propria forza istituzionale sia a livello nazionale sia a Bruxelles per le questioni attinenti all’Unione europea. Abbiamo ottenuto la rassicurazione che Unimpresa sarà tra gli attori principali in rappresentanza delle pmi italiane e questo, per noi, è una garanzia fondamentale perché sappiamo che le imprese italiane più piccole hanno finalmente una voce ai tavoli che indirizzano la politica economica del Paese", commenta il vicepresidente di Unimpresa, Giuseppe Spadafora.

In particolare, per quanto riguarda il capitolo relativo al credito, il documento di Unimpresa suggerisce "di intervenire subito con una modifica delle disposizioni operative del Fondo di garanzia, che preveda, per le imprese in difficoltà che abbiano usufruito dell’allungamento della garanzia, la rimessa in bonis e l’utilizzo della garanzia pubblica anche per nuove operazioni". In considerazione del protrarsi dell’emergenza sanitaria e del periodo di lockdown, a cui la stragrande maggioranza delle imprese é stata soggetta, nei mesi di marzo ed aprile, con ripercussioni negative sui dati contabili relativi al 2020 (calo del fatturato), si dovrà varare la proroga degli attuali requisiti di ammissibilità al Fondo centrale di garanzia Mcc per il prossimo anno e chiedere l’aumento dal 25% al 40% del fatturato dell’importo finanziabile.

In relazione all’innovazione, poi, è stato chiesto di «modificare i termini di accesso alle agevolazioni 4.0, sburocratizzando la parte documentale e rendendo l’intervento di sostegno economico da parte degli istituti di credito più efficace, nonché modificando i parametri di rilevamento espressi nelle piattaforme di assegnazione dei rating di affidabilità di Basilea. Unimpresa propone anche di "agevolare la patrimonializzazione delle imprese costituisce una procedura economico-finanziaria non più rinviabile, per le pmi, al fine di evitare commistioni da parte di società estere che, interessate al know how italiano, complice la fortissima crisi di liquidità per le imprese, stanno diventando sempre più aggressive e convincenti nell’acquisire la proprietà intellettuale delle nostre aziende. È necessario prevedere, quindi, più che un credito d’imposta, un abbattimento dalla base imponibile Ires con riferimento agli utili investiti nella patrimonializzazione. Soltanto un forte incentivo agli investimenti, che si concretizzi in un abbattimento delle imposte, renderebbe attuabile una procedura complessa come quella del reinvestimento degli utili".

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

Guide Lavoro

Chi e per cosa si può utilizzare NoiPA

NoiPA è la piattaforma digitale per la gestione del personale e degli stipendi del settore pubblico.

da

ABCRisparmio

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Il cassetto fiscale è un archivio online tramite il quale ogni contribuente può consultare qualsiasi informazione riguardante la propria posizione fiscale Continua »