NAVIGA IL SITO

Tesoro, fabbisogno per 19,6 miliardi di euro a marzo 2015

di Edoardo Fagnani 1 apr 2015 ore 20:43 Le news sul tuo Smartphone

mef3Il Tesoro ha comunicato che nel mese di marzo 2015 si è realizzato un fabbisogno pari, in via provvisoria, a circa 19,6 miliardi di euro, che si confronta con un fabbisogno di 18,95 miliardi del corrispondente mese del 2014. Nel primo trimestre dell’anno il fabbisogno del settore statale si è attestato a circa 23,45 miliardi di euro, con un miglioramento di circa 8,8 miliardi rispetto allo stesso periodo del 2014.

A marzo 2015 l’aumento del fabbisogno rispetto al corrispondente mese del 2014 è legato principalmente ai maggiori pagamenti delle amministrazioni centrali, sia per una diversa calendarizzazione, sia per un incremento dei rimborsi fiscali. Gli incassi fiscali sono risultati in linea con quelli registrati nel marzo 2014.
Fra i fattori che hanno contribuito al miglioramento del fabbisogno nel primo trimestre 2015 si segnalano: minori pagamenti per interessi sul debito pubblico e maggiori incassi fiscali rispetto al primo trimestre 2014, quando la prima rata del versamento dei premi assicurativi INAIL era slittata al mese di maggio. Si segnalano altresì minori prelevamenti dai conti di Tesoreria, che nel corso del 2013 e del 2014 avevano registrato una significativa accelerazione legata al pagamento dei debiti commerciali.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutte le ultime su: mef