NAVIGA IL SITO

Reddito di cittadinanza a quasi 3 milioni di italiani (Corriere della Sera)

di Redazione Lapenna del Web 20 gen 2021 ore 07:50 Le news sul tuo Smartphone

gestione-separata-inpsContinua ad aumentare il numero dei beneficiari del reddito di cittadinanza e della pensione. I finanziamenti aggiuntivi arriveranno con il decreto legge Ristori 5 (approvato dal Consiglio dei Ministri nei prossimi giorni), che aiuterà ad alleviare i problemi causati dall'incremento della povertà dovuto al Covid-19. Lo scrive Enrico Marro in un articolo apparso sul Corriere della Sera: secondo i dati dell'Inps, a dicembre le famiglie titolari del Reddito di Cittadinanza sono aumentate del 3,3%, arrivando a toccare 1,2 milioni di nuclei familiari e 2,9 milioni di individui. A febbraio - prepandemia - erano poco meno di 1 milione. Circa il 65% delle persone destinatarie vive nel Meridione, e l'importo medio del reddito è di 573 euro mensili. A 273 euro scende la pensione di cittadinanza, erogata al momento a 137mila nuclei.

A questi numeri bisogna aggiungere quelli del reddito di emergenza (292mila famiglie che dicembre hanno ricevuto almeno una mensilità), misura introdotta per fronteggiare i problemi derivanti dall'emergenza Covid per i nuclei a basso reddito, in quello scaglione che non li rende però abbastanza "in emergenza" da poter accedere al reddito di cittadinanza.

Questi numeri sono destinati a crescere nel 2021, vista la sussistente situazione d'emergenza pandemica. Sul tavolo ci sarebbe da stanziare oltre 1 miliardo di euro, più 1,5 miliardi per il rifinanziamento del reddito di cittadinanza per i prossimi nove anni. Nel frattempo il Parlamento deve approvare uno scostamento di bilancio di 32 miliardi, necessario a finanziare le nuove misure di soccorso a imprese e famiglie. Che, però, andranno a gonfiare il deficit 2021, portandolo vicino al 9% del PIL.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.