NAVIGA IL SITO

Rassegna stampa economico-finanziaria del 10 giugno 2019

di Mauro Introzzi 10 giu 2019 ore 06:46 Le news sul tuo Smartphone

Alitalia verso la quarta proroga per le offerte (Il Sole24Ore)

Il quotidiano economico, nell’edizione di sabato 8 giugno, scrive che si starebbe andando verso un nuovo rinvio del termine per la presentazione dell'offerta finale di Ferrovie dello Stato per Alitalia. L’esecutivo starebbe pensando infatti a una nuova proroga al 30 giugno, successiva alla scadenza attuale del 15 giugno. Ferrovie dello Stato, l’unico soggetto ad aver presentato un’offerta ai commissari per rilevare le attività di Alitalia. avrebbe infatti difficoltà a trovare entro i termini un accordo con il “quarto socio”.

Il quotidiano ricorda che “la cordata guidata da Fs ha adesioni per circa il 60% del capitale, che in totale sarebbe di 850-900 milioni, della Newco Nuova Alitalia: le Fs metterebbero il 30%, Delta sarebbe il partner industriale con il 15%, stessa quota il Mef”. Il quarto socio potrebbe essere Atlantia, che dovrebbe mettere circa 300 milioni mentre altre candidature non si sono concretizzate.

Il Sole24Ore scrive che “tra gli interessati c’è anche Lufthansa, ma i tedeschi sono per il momento alla finestra, non hanno mai presentato una vera offerta”.

 

FCA, prossima fermata Hyundai (Milano Finanza)

Il settimanale mette sotto la lente Fiat Chrysler Automobiles dopo la clamorosa rottura delle trattative per una fusione con Renault con il governo parigino (che di Renault possiede una quota del 15%). Secondo quanto riporta Milano Finanza il Lingotto resta comunque “alla ricerca di un partner forte” per condividere costi e investimenti. “Con il tramonto delle opzioni transalpine targate Psa Peugeot-Citroën e Renault, sembrano essere molto in salita anche le strade che portano a Volkswagen o Ford, visto che il colosso automobilistico tedesco e quello statunitense lo scorso autunno hanno annunciato una partnership strategica pluriennale tra loro”.

In questo gioco a eliminazione per FCA l'opzione più percorribile appare quella della casa coreana Hyundai-Kia, "che potrebbe vedere con favore una partnership con il Lingotto, sia in Europa che nelle Americhe".

 

Piazza Affari, i titoli resistenti: hanno tenuto testa a tre Orsi (L'Economia - Corriere della Sera)

L’inserto settimanale economico del Corriere della Sera elenca i titoli scialuppa necessari per “navigare nei mari tempestosi della volatilità”. Quelli cioè che nella storia più recente, “anche nelle fasi di maggiore turbolenza si sono comportati meglio del mercato, o perlomeno hanno contenuto le perdite”. L’inserto del Corriere ha condotto un’analisi sulla performance delle società in occasione delle flessioni più profonde di Piazza Affari nel corso degli ultimi 10 anni. 

In cima alla lista della classifica si trova Campari, che in tutte e tre le ultime fasi di ribasso ha messo a segno una performance positiva. Anche Recordati si è messa in mostra in questa categoria di titoli. Nel mercato ribassista del 2015 registrò un progresso del 20% rispetto al rosso del 38% del listino, mentre nel 2018 ha resistito chiudendo invariato una stagione che è invece costata quasi il 30% di cali al mercato azionario italiano nel suo complesso

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutti gli articoli su: rassegna stampa
da

SoldieLavoro

Reddito di cittadinanza (Rdc) 2019: a chi spetta, requisiti e importo

Reddito di cittadinanza (Rdc) 2019: a chi spetta, requisiti e importo

Il Reddito di cittadinanza è il nuovo sussidio contro la povertà. Lo si potrà richiedere dal 6 marzo 2019 e verrà distribuito a partire dal 27 aprile. Destinatari, requisiti e importi Continua »

da

ABCRisparmio

730 precompilato 2019: istruzioni per la compilazione

730 precompilato 2019: istruzioni per la compilazione

Il modello 730 precompilato 2019 sarà accessibile online dal 16 aprile. Può semplificare molte cose nella compilazione della dichiarazione dei redditi. Continua »