NAVIGA IL SITO

Rassegna stampa economico-finanziaria del 7 dicembre 2019

di Mauro Introzzi 7 dic 2019 ore 10:31 Le news sul tuo Smartphone

Petrolio, la sorpresa di OPEC e Russia: tagli record (Il Sole24Ore)

Il quotidiano economico fa il punto della situazione su quanto deciso dall'OPEC sulla produzione di petrolio nel recente vertice tenutosi come di consueto a Vienna. I paesi dell'intesa hanno deciso di tagliare di 2,1 milioni di barili al giorno l'output di greggio.

Tuttavia, evidenzia il Sole24Ore, si impone una grande cautela: questo taglio (che sarebbe il più alto da oltre un decennio) è a tutti gli effetti teorico. L’OPEC Plus "ci arriverà solo a condizione che tutti i Paesi della coalizione rispettino le quote assegnate, smettendo di barare". E "la storia insegna che un tale livello di disciplina dovrebbe essere considerato un’utopia".

Così Iraq e Nigeria, riconosciuti dei disubbidienti cronici in casa OPEC, saranno sorvegliati speciali. Iran, Venezuela e Libia restano invece esenti dai tagli.

 

Mediaset e Vivendi, il tribunale non decide (Corriere della Sera)

Il quotidiano scrive che ieri il Tribunale di Milano ha deciso di riservarsi di decidere nella controversia tra Mediaset e Vivendi.

Il Corriere ricorda che la contesa è nata dalla richiesta del gruppo transalpino di sospendere la delibera dell’assemblea del 4 settembre scorso mediante la quale Mediaset aveva approvato la fusione con Mediaset Espana in Mfe (MediaForEurope), la holding di diritto olandese che raggrupperà la attività televisive europee del Biscione.

Già lo scorso mese i giudici milanesi avevavo sospeso in via cautelare la delibera. Nel frattempo Mediaset ha fissato per 10 gennaio una nuova assemblea "per modificare gli articoli dello statuto di Mfe ritenuti critici dal giudice perché nocivi per Vivendi".

Secondo i vertici di Mediaset, comunque, "l’esito della trattativa tra Mediaset e Vivendi non metterà a rischio il progetto".

 

Alitalia, Leogrande nuovo commissario chiamato a tagliare (La Repubblica)

Il quotidiano fa il punto della situazione su Alitalia. Il ministero dello Sviluppo Economico ha individuato in Giuseppe Leogrande, "avvocato esperto di procedura fallimentare ed ex amministratore di diversi gruppi italiani in crisi", il nuovo commissario del gruppo. Nel track record del manager c'è un'esperienza nel mondo dell’aviazione civile tra il 2014 e il 2017, quando ha amministrato e poi guidato da presidente il vettore romano Blue Panorama.

Secondo quanto riporta La Repubblica il nuovo responsabile "dovrà mettere ordine alla flotta di 113 aerei, ridurre i posti di lavoro (oggi circa 11 mila) e costruire le basi per la vendita degli asset".

Le novità, per Alitalia, non sarrebbero però limitate solo al nuovo commissario. Secondo indiscrezioni raccolte da Repubblica "il pacchetto completo pensato per Alitalia contiene anche altri nomi di esperti del settore".

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutte le ultime su: rassegna stampa

Guide Lavoro

Gli incentivi per l'assunzione di lavoratori

La legge riconosce sgravi contributivi per le assunzioni di persone in particolari condizioni. L’incentivo ha un’entità e una durata variabile. In questa guida tutti i bonus attualmente in vigore

da

ABCRisparmio

Il nuovo modello 730 per il 2020

Il nuovo modello 730 per il 2020

Il nuovo modello 730, in forma precompilata, sarà disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate, dal prossimo 15 aprile 2020. Ecco le novità introdotto per il 2020 Continua »