NAVIGA IL SITO

L’Ocse alza le stime per l’Italia. "Ma tagli le tasse sul lavoro" (La Repubblica)

di Redazione Lapenna del Web 7 set 2021 ore 08:10 Le news sul tuo Smartphone

azioni-italiaL’Ocse prevede per l’Italia un balzo del Pil pari al 5,9% nel 2021, che dovrebbe attestarsi al 4,1% nel 2022. E per far sì che la crescita si realizzi davvero, indica alcune soluzioni in grado garantire l’occupazione. Lo scrive Rosaria Amato su La Repubblica.

Si parte dalla riduzione del cuneo fiscale “oggi il quinto più alto tra i Paesi sviluppati”, si legge sul quotidiano: “Senza lavoro i consumi rimangono fermi, intere fasce di popolazione, a cominciare da tanti giovani, rimangono intrappolate dalla povertà, e sarà difficile ridurre il debito”. L’analisi trova d’accordo il ministro dell’Economia Daniele Franco, che ribadisce l’impegno a “bloccare questa nostra lunga stagnazione della congiuntura economica“.

Tra i temi per ridurre il debito anche il nodo pensioni: si lavora a un’alternativa alle misure per l’uscita anticipata dal mondo del lavoro in scadenza. Franco conferma lo stop di Quota 100 nel 2022, dicendosi fiducioso che, sul dopo, si troverà “il giusto equilibrio con il supporto di tutti i membri del governo”.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutte le ultime su: pil italia , pensioni