NAVIGA IL SITO
Home » Ultime » Economia e Politica » Rassegna stampa economico-finanziaria del 12 settembre 2018

Rassegna stampa economico-finanziaria del 12 settembre 2018

di Edoardo Fagnani 12 set 2018 ore 09:12 Le news sul tuo Smartphone

Salvataggio Astaldi al rush finale, vertice con le banche sul debito (Il Sole24Ore)

Il Sole24Ore ha fornito un aggiornamento sulla situazione di Astaldi, alle prese con una complessa situazione finanziaria e patrimoniale. Il quotidiano finanziario ha ricordato che il titolo a Piazza Affari quota ai minimi; stessa tendenza per il valore del bond da 750 milioni di euro con scadenza nel 2020: il valore delle obbligazioni è crollato dal 90% di maggio all'attuale 44%. Il Sole24Ore ha segnalato che domani è in programma un vertici tra il management dell'azienda e gli istituti bancari finanziatori per fare il punto della situazione dopo che "la mancata realizzazione in tempi rapidi della prospettata iniezione di liquidità da 300 milioni ha generato nuove esigenze di cassa, oltre a quella già preventivate dal precedente piano". Secondo il quotidiano finanziario le banche sarebbero disposte a concedere nuova liquidità ma solo in presenza di un nuovo piano. Non è escluso, inoltre, la possibilità di utilizzare alcune procedure concesse dalla legge fallimentare. 

 

I fondi si sfilano dal duello Carige (MF)

MF ha dato ampio spazio alla situazione di Banca Carige a pochi giorni dall'assemblea degli azionisti chiamata a nominare il nuovo consiglio di amministrazione. La sfida principale resta tra la famiglia Malacalza e la cordata guidata dal finanziere Raffaele Mincione, alla ricerca di alleati tra gli azionisti minori. A questo proposito, secondo MF, i fondi di investimento potrebbero assumere una posizione neutrale e convogliare i propri voti versa la lista presentata da Assogestioni, associazione italiana dei gestori del risparmio che rappresenta la maggior parte delle società di gestione del risparmio italiane e straniere operanti in Italia. Il quotidiano finanziario non esclude che questa lista possa arrivare ad accumulare il voto di oltre il 5% del capitale, partendo da una base del 2,9%, grazie all’appoggio dei fondi comuni e degli hedge fund. “Un risultato che, alla luce del sistema di voto proporzionale di Carige, consentirebbe agli istituzionali di costruire una posizione di tutto rispetto nel nuovo board”, ha puntualizzato MF.

 

Pensione prima per 700 mila ma il conto è di 13 miliardi (La Repubblica)

La Repubblica riporta la notizia che ieri, durante la puntata di Porta a Porta il ministro Salvini ha parlato di pensioni, confermando la "quota 100", come somma di età anagrafica e anzianità contributiva, in modo da superare il sistema Fornero. Pensando ai costi, secondo i calcoli eseguiti da Stefano Patriarca della società "Tabula", prosegue il giornale, "si tratterebbe di una spesa di 13 miliardi (che al netto delle imposte scenderebbero a 9 miliardi) e di una platea poco meno di 700 mila individui". Tuttavia, non ci sarebbero più di 5 miliardi di euro per le pensioni. Le simulazioni dicono che per ridurre 4,3 miliardi di spese e far acedere alla pensione 220 mila lavoratori, è necessaria la "quota 100", mantenendo però l'età anagrafica a 64 anni, con 43 anni e 3 mesi di contributi.

 

Tim, l'ipotesi Cdp per cedere Sparkle (Corriere della Sera)

Il Corriere della Sera di quest'oggi pone sotto la lente d'ingrandimento Sparkle, che probabilmente verrà ceduta, come ha augurato il presidente di Telecom Italia, Fulvio Conti. Esternazione che non è piaciuta al ministro Luigi di Maio, che è stato perentorio: "Sparkle non si vende". Nonostante tutto, si legge nell'articolo, le manovre per la vendita sono in corso. Per il momento, le banche sono state invitate al "beauty contest" per decidere a chi verrà assegnato il mandato. A questo punto, il governo può bloccare la vendita. Inoltre, il consiglio di Tim appare diviso, senza contare il fatto che rimane un mistero il possibile acquirente. Per quanto riguarda i possibili scenari, un'operazione con Cdp porterebbe la rete internazionale Tim sotto l'ombrello pubblico (Cdp tenuta per l'83% dal Ministero delle Finanze). Sparkle ha rallentato la sua crescita negli ultimi tre anni: da 198 miliardi di ebitda nel 2015 è sceso a 154 milioni nel 2017 e le previsioni per il 2018 raggiungono 110-120 milioni.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutti gli articoli su: rassegna stampa
da

SoldieLavoro

Come aprire la partita Iva

Come aprire la partita Iva

Chi vuole mettersi in proprio deve aprire la partita Iva. Sia che voglia lavorare da solo, sia che voglia aprire una società. Lo può fare con l'Agenzia delle Entrate. Continua »

da

ABCRisparmio

La cedolare secca spiegata in tre minuti

La cedolare secca spiegata in tre minuti

In questa guida vediamo cos'è e come funziona la cedolare secca sui contratti di locazione, le sue aliquote, le novità introdotte per il 2018 e il cosiddetto decreto Airbnb Continua »