NAVIGA IL SITO
Home » Ultime » Economia e Politica » Rassegna stampa economico-finanziaria dell'11 luglio 2018

Rassegna stampa economico-finanziaria dell'11 luglio 2018

di Edoardo Fagnani 11 lug 2018 ore 08:05 Le news sul tuo Smartphone

Rete in fibra, Genish sonda Starace. La ricetta Ubs su Tim e Open Fiber (Il Sole24Ore)

Il Sole24Ore ha ripreso un report realizzato da UBS su Telecom Italia, in cui la banca svizzera ha tagliato a 0,59 euro il target price sulla compagnia telefonica, evidenziando “la doppia sfida competitiva di Open Fiber sul fisso e di Iliad sul mobile”. In particolare, gli analisti hanno proposto una soluzione per l’infrastruttura in fibra ottica, che prevede l’incorporazione di Open Fiber (la società che fa riferimento a Enel e a Cdp) in Telecom Italia in cambio di azioni Telecom Italia a Enel e Cdp. In questo modo – spiega Ubs – la compagnia telefonica continuerebbe a mantenere il controllo su questo importante asset, che rappresenta il focus strategico e finanziario per l’azienda. Tuttavia, Il Sole24Ore mette in evidenza che “gli impegni dell’incumbent sugli investimenti potrebbero non essere ritenuti sufficientemente credibili dall’interlocutore pubblico”, sulla base della situazione finanziaria di Telecom Italia.

 

All’Aim le viti di Vimi Fasteners (MF)

MF ha segnalato che Vimi Fasteners, azienda attiva nel settore dei sistemi di fissaggio (viti e altro materiale), sarebbe pronta a sbarcare all’AIM Italia. Secondo il quotidiano finanziario l’operazione partirà lunedì 16 luglio, con l’obiettivo di portare l’azienda a Piazza Affari entro l’estate. Vimi Fasteners punterebbe a collocare il 25% del capitale, con l’obiettivo di raccogliere circa 11 milioni di euro. MF ha fornito qualche dato finanziario della società.  Vimi Fasteners “ha chiuso il 2017 con un fatturato di 55 milioni e un ebitda di 8,8 milioni, a fronte di una posizione finanziaria netta negativa di 20 milioni (poco più di due volte il mol)”.

 

La battaglia per il controllo Carige: Mincione chiede la revoca del board (Corriere della Sera)

Il Corriere della Sera ha dato ampio risalto alla situazione di Banca Carige, evidenziando che per l’istituto ligure si prospetta un’estate molto calda. Il quotidiano ha ricordato che l’azionista Raffaele Mincione, socio della banca con una quota del 5,4%, ha chiesto la convocazione di un’assemblea per chiedere la revoca dell’intero consiglio di amministrazione, pur esprimendo fiducia all’attuale amministratore delegato, Paolo Fiorentino. Secondo il Corriere della Sera l’obiettivo di Mincione sarebbe quello di “un’aggregazione con una banca italiana, come per esempio Bpm (di cui è anche azionista) o Ubi, preferendola a un istituto estero come Crédit Agricole”. In contrasto con Mincione ci sarebbe l’azionista di riferimento di Banca Carige,  Vittorio Malacalza, socio della banca con una quota del 20,6% del capitale. Malacalza sarebbe in contrasto con la gestione adottata da Fiorentino, considerata troppo personalistica. Resta decisiva, a questo punto, la posizione di Gabriele Volpi, che detiene il 9% di Banca Carige.

 

Savona shock “Possono spingerci fuori dall’euro” (La Repubblica)

La Repubblica ha riportato le dichiarazioni del ministro degli affari europei, Paolo Savona, davanti alle Commissioni congiunte di Camera e Senato. Il ministro ha segnalato la possibilità di uno shock straordinario, ricordando la possibilità di essere costretti ad uscire dall’euro per volere di altri. Di conseguenza, l’Italia dovrà farsi trovare pronta a questa evenienza. Paolo Savona ha messo anche l’accento sul fardello del debito pubblico, che lascia spazio a eventuali attacchi speculativi sull’Italia dall’estero, “almeno fino a quando l’Europa non aggiungerà all’obiettivo della stabilita dei conti pubblici anche quello dello sviluppo”. Secondo Savona, quindi, la priorità del governo dovrà essere sugli investimenti, rimandando qualsiasi operazione su reddito di cittadinanza, flat tax e smantellamento della legge Fornero.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutti gli articoli su: rassegna stampa
da

SoldieLavoro

Come aprire la partita Iva

Come aprire la partita Iva

Chi vuole mettersi in proprio deve aprire la partita Iva. Sia che voglia lavorare da solo, sia che voglia aprire una società. Lo può fare con l'Agenzia delle Entrate. Continua »

da

ABCRisparmio

La cedolare secca spiegata in tre minuti

La cedolare secca spiegata in tre minuti

In questa guida vediamo cos'è e come funziona la cedolare secca sui contratti di locazione, le sue aliquote, le novità introdotte per il 2018 e il cosiddetto decreto Airbnb Continua »