NAVIGA IL SITO

Nella Bce divergenze su come calibrare la stretta (Il Sole24Ore)

di Redazione Lapenna del Web 4 nov 2022 ore 07:17 Le news sul tuo Smartphone

bce_19La direzione degli interventi di politica monetaria della BCE può essere una soltanto, con la previsione che i tassi aumenteranno ancora per riportare l'inflazione entro il 2% nel medio termine (a ottobre era intorno al 10,7%). Secondo quanto riporta Isabella Bufacchi per Il Sole24Ore, se la direzione sugli aumenti sembra una sola, quello che non riesce a mettere d'accordo è il "percorso della calibrazione delle misure di politica monetaria". In altre parole: come decidere dimensione e velocità degli interventi dell'orientamento di normalizzazione della Bce.

La Bce dovrà infatti decidere, in vista della riunione del 15 dicembre, se alzare di 50 o di 75 centesimi - e se valutare poi un nuovo aumento subito o prendersi una pausa. Inoltre sarà necessario capire quando e come ridurre il bilancio. Scrive Bufacchi: "Gli interventi andranno calibrati in base a costi-benefici ed effetti indesiderati: rischio di recessione? Stabilità finanziaria e volatilità dei mercati? Pericolo di disancoraggio delle aspettative? Spirale prezzi-salari?"

Tutti d'accordo, dunque, sull'aumento dei tassi. Le divergenze nascono su quanto e quando essi saliranno, con quali modalità e tempistiche - tra falchi e colombe.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutte le ultime su: tassi interesse , bce