NAVIGA IL SITO

Il cuneo fiscale: allo studio bonus da 1.500 euro per 20 milioni di lavoratori (La Repubblica)

di Mauro Introzzi 2 set 2019 ore 08:34 Le news sul tuo Smartphone

italia-soldiIl quotidiano scrive che nelle trattative tra Movimento 5 Stelle e Partito Democratico per la formazione di un nuovo governo si sarebbe raggiunto un accordo di massima sul cuneo fiscale. Tra le parti ci sarebbe convergenza sulla necessità di "tagliare il cuneo fiscale, a vantaggio prevalentemente dei redditi medio-bassi, abbandonando così la strada della flat tax, attenta alle fasce alte, imboccata inizialmente dal M5S nel rispetto del contratto di governo firmato con la Lega".

Si stima così che circa 20 milioni di lavoratori potranno benefciare di entrate maggiori per 1.500 euro netti l'anno. Ridurre le tasse sul lavoro potrebbe così innescare un volano per consumi, investimenti e assunzioni. In realtà, scrive La Repubblica, "i pentastellati avrebbero voluto però che del taglio beneficiassero in parte anche le imprese, bilanciando così i costi dell’eventuale introduzione del salario minimo (altra misura sulla quale Pd e M5S stanno ragionando senza particolari distanze), ma nel gioco dei pesi e dei contrappesi fisiologici in ogni trattativa, sarebbe alla fine passata la ricetta dem".

Resta da sciogliere, su questo punto, la grande incognita delle coperture. "Le simulazioni del Pd, che prevedono una platea di circa 20 milioni di contribuenti, calcolano un fabbisogno di 15 miliardi in tre anni".

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.