NAVIGA IL SITO

BCE: cosa ha detto Mario Draghi nella conferenza stampa odierna

La banca centrale ha confermato i tassi di interesse e ha ufficializzato che il programma di acquisto di titoli terminerà alla fine del 2018

di Edoardo Fagnani 13 dic 2018 ore 15:29

draghi-mario-bceOggi era in programma l'ultima riunione della BCE del 2018, seguita dalla consueta conferenza stampa di Mario Draghi.

In particolare, la banca centrale ha confermato i tassi di interesse e ha ufficializzato che il programma di acquisto di titoli terminerà alla fine del 2018.

 

SoldiOnline.it seguirà in diretta su questa pagina il discorso del numero uno della Banca Centrale Europea dalle ore 14.30. Aggiornate la pagina per le ultime novità

 

LEGGI ANCHE - BCE: cosa ha detto Mario Draghi nella conferenza di ottobre 2018

 

ORE 14.30 - LA DIRETTA DEL DISCORSO DI DRAGHI

Ore 15.26 - Si chiude anche la sessione di Q&A di questa tornata della BCE. Appuntamento per il prossimo 24 gennaio 2019.

 

Ore 15.24 - Mario Draghi ha ricordato che il Quantitative Easing resta uno degli strumenti a disposizione del Consiglio Direttivo della BCE, che può essere utilizzato quando necessario.

 

Ore 15.20 - Il numero uno della BCE ha ribadito che il Consiglio Direttivo non ha discusso di adottare ulteriori strumenti di politica monetaria, aggiungendo che l'obiettivo resta quello mantenere la liquidità ai livelli necessari.

 

Ore 15.10 - Draghi ha puntualizzato che il Consiglio Direttivo della BCE non ha discusso di un'eventuale ripresa del programma di acquisto di titoli.

 

Ore 15.07 - Secondo Mario Draghi i mercati finanziari proiettano un primo aumento dei tassi di interesse in estate.

 

Ore 15.05 - Il numero uno della BCE ha messo in evidenza che il driver principale della recente crescita economica in Europa è stato proprio il Quantitative Easing.

 

Ore 15.00 - Mario Draghi ha dichiarato che le decisioni odierne di politica monetaria sono state prese con il voto unanime del consiglio direttivo della BCE.

 

Ore 14.59 - Il numero uno della BCE ha precisato che non è stata discussa la tempistica relativa alla futura modifica dei tassi di interesse, in quanto devono essere tenuti in considerazione diversi parametri.

 

Ore 14.56 - Mario Draghi ha dichiarato che se il consiglio avesse voluto specificare la lunghezza temporale dei reinvestimenti dei titoli lo avrebbe fatto.

 

Ore 14.53 - Draghi ha precisato che l'attuale scenario è caratterizzato da meno crescita rispetto ai mesi scorsi, stando a quanto evidenziato da alcuni sondaggi condotti a settembre.

 

Ore 14.51 - Mario Draghi ha evidenziato che l'attuale scenario è caratterizzato da forte incertezza, maggiore rispetto a quanto evidenziato nella scorsa estate.

 

Ore 14.48 - Il numero uno della BCE ha confermato che la politica monetaria della BCE continua a essere accomodante.

 

Ore 14.45 -Si chiude il discorso di Mario Draghi, spazio alla sezione di domande e risposte con i giornalisti.

 

Ore 14.44 - Ecco le previsioni sull'inflazione e sul Pil per il triennio 2019/2021 in un tweet:

 

 

 

Ore 14.40 - Mario Draghi ha fornito le nuove stime sul Pil e sull'inflazione nell'area euro per il periodo 2018/2021. In particolare, le previsioni sul Pil per il biennio 2018/2019 sono state limate, mentre le indicazioni sull'inflazione sono state riviste al rialzo per il 2018 e limate per il prossimo esercizio.

 

Ore 14.38 - Secondo Draghi la domanda interna sosterrà l'economia nella zona euro, mentre le esportazioni resteranno sostenute (anche se in leggera contrazione).

 

Ore 14.37 - Il banchiere ha ribadito che il consiglio è pronto ad adattare gli strumenti a disposizione per assicurare che l'inflazione continui a muoversi verso gli obiettivi fissati.

 

Ore 14.35 - Mario Draghi ha segnalato che alcuni dati macroeconomici sono stati più deboli delle attese.

 

Ore 14.36 - Draghi è convinto che l'andamento dell'inflazione procederà sul trend definito, anche dopo il termine del quantitative easing.

 

Ore 14.35 - Mario Draghi ha segnalato che alcuni dati macroeconomici sono stati più deboli delle attese.

 

Ore 14.33 - Il banchiere ha confermato che il programma di acquisto di titoli terminerà alla fine del 2018.

 

Ore 14.30 - Inizia il discorso di Mario Draghi a margine del consiglio direttivo che ha ufficializzato la fine del programma di quantitative easing.

 

ORE 14.25 - REAZIONI ALLA DECISIONE DELLA BCE

Piazza Affari e le borse europee confermano in trend registrato un mattinata. Alle 14.25 il FTSEMib registrava un progresso dell'1% a 19.135 punti

L’euro si confemava poco sotto gli 1,14 dollari.

 

ORE 13.45 - TASSI DI INTERESSE INVARIATI

Come nelle attese non c'è stata alcuna modifica alla politica monetaria da parte della BCE.

Ecco il comunicato di Francoforte:

Il Consiglio direttivo ha deciso che i tassi di interesse sulle operazioni di rifinanziamento principali, sulle operazioni di rifinanziamento marginale e sui depositi presso la banca centrale rimarranno invariati rispettivamente allo 0%, allo 0,25% e al -0,40%.

Il Consiglio direttivo si attende che i tassi di interesse di riferimento della BCE si mantengano su livelli pari a quelli attuali almeno fino all’estate del 2019 e in ogni caso finché sarà necessario per assicurare che l’inflazione continui stabilmente a convergere su livelli inferiori ma prossimi al 2% nel medio termine.

Quanto alle misure non convenzionali di politica monetaria, gli acquisti netti nell’ambito del programma di acquisto di attività (PAA) termineranno a dicembre 2018.

Al tempo stesso il Consiglio direttivo rafforza le proprie indicazioni prospettiche (forward guidance) sui reinvestimenti. In linea con questo approccio, il Consiglio direttivo intende continuare a reinvestire, integralmente, il capitale rimborsato sui titoli in scadenza nel quadro del PAA per un prolungato periodo di tempo successivamente alla data in cui inizierà a innalzare i tassi di interesse di riferimento della BCE, e in ogni caso finché sarà necessario per mantenere condizioni di liquidità favorevoli e un ampio grado di accomodamento monetario.

 

ORE 11.00 - IN ATTESA DELLA BCE, I PARERI DEGLI ANALISTI

mario-draghi_2Qualche indicazione supplementare potrebbe arrivare dalle nuove stime su Pil e inflazione per il biennio 2019/2020, cui si aggiungeranno per la prima volta le previsioni sul 2021.

Tre esperti hanno provato ad anticipare quali potranno essere le indicazioni che usciranno dall’incontro di oggi: BCE, cosa aspettarsi dalla riunione del 13 dicembre 2018?

 

Anche recce-d.com ha fornito le proprie indicazioni sulla riunione odierna della BCE, segnalando cinque temi: nuove previsioni per la crescita economica, nuove previsioni per l’inflazione, bilanciamento dei rischi, reinvestimento delle obbligazioni in scadenza e tassi di interesse: L’ultimo urrà per Draghi

 

VIDEO - LA CONFERENZA DI MARIO DRAGHI

Qui è possibile seguire, dalle 14.30, il video delle parole di Mario Draghi:

Tutti gli articoli su: bce , mario draghi
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldieLavoro

Reddito di cittadinanza (Rdc) 2019: a chi spetta, requisiti e importo

Reddito di cittadinanza (Rdc) 2019: a chi spetta, requisiti e importo

Il Reddito di cittadinanza è il nuovo sussidio contro la povertà. Lo si potrà richiedere dal 6 marzo 2019 e verrà distribuito a partire dal 27 aprile. Destinatari, requisiti e importi Continua »

da

ABCRisparmio

APE volontaria: come funziona (requisiti, calcolo e domanda)

APE volontaria: come funziona (requisiti, calcolo e domanda)

Ape volontaria è un anticipo sulla pensione di vecchiata. La si può ottenere per un massimo di 3 anni e 7 mesi fino al raggiungimento dell'età pensionabile. Continua »