NAVIGA IL SITO

Decreto crescita e prestito Alitalia (Corriere della Sera)

di Mauro Introzzi 5 apr 2019 ore 07:31 Le news sul tuo Smartphone

italia-bandieraIl quotidiano descrive le principali manovre contenute nel “decreto crescita” approvato ieri dal Consiglio di Ministri. Il pacchetto per contrastare il peggioramento della congiuntura ha visto però la luce con la clausola “salvo intese”. Il Corriere della Sera scrive che è la stessa “con cui quindici giorni fa venne approvato il decreto sblocca cantieri, che nel frattempo non è ancora stato pubblicato in Gazzetta”.

La ricetta per la crescita è basata essenzialmente sullo stimolo agli investimenti, sia pubblici che privati. Il quotidiano indica che “sono previsti nuovi sgravi fiscali alle imprese, dall’aumento della deducibilità Imu dal 40% al 60%, o la riduzione dell’aliquota Ires sugli utili non distribuiti dal 24 al 22,5% quest’anno, poi al 20% entro il 2022. E la proroga del super ammortamento, un regime favorevole per le imprese che investono in macchinari, e che sarebbe terminato alla fine di aprile”.

Nel testo ci sarebbe anche una norma che permette al Tesoro di convertire una parte del prestito ponte concesso all’Alitalia in azioni, e di entrare nella nuova società che rileverà ciò che resta della vecchia compagnia di bandiera.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutte le ultime su: alitalia