NAVIGA IL SITO

Crediti a rischio, l’allarme Bce: "saliranno a 1.400 miliardi" (Corriere della Sera)

di Redazione Lapenna del Web 4 nov 2020 ore 08:20 Le news sul tuo Smartphone

europa_13Il Corriere della Sera riporta le dichiarazioni di Andrea Enria, presidente della vigilanza bancaria della Bce, sulla situazione critica dei crediti deteriorati e sull'impatto della crisi sanitaria legata al Covid19 sul sistema finanziario.

Secondo quanto evidenziato nell'articolo di Marco Sabella e Francesca Basso, gli istituti di credito dovranno affrontare l'impatto economico della pandemia con la possibilità che i crediti deteriorati arrivino fino a 1.400 miliardi di euro. Questo sarebbe il pensiero espresso dal presidente Enria nella sede della conferenza sulle normative bancarie europee, appoggiato anche da Irene Tinagli, presidente della commissione dei Problemi Economici dell'Unione che avrebbe avvertito i Paesi membri della Ue ad affrontare la questione da subito per non ripetere gli errori pregressi.

L'argomento dovrebbe essere uno dei temi di discussione della riunione di oggi dell'Ecofin.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutte le ultime su: npl