NAVIGA IL SITO

Banche, la soluzione (possibile) per le sofferenze e l’equilibrio tra azionisti e contribuenti (Corriere della Sera)

di Edoardo Fagnani 5 lug 2016 ore 07:49 Le news sul tuo Smartphone

banca2_3Il Corriere della Sera ha analizzato alcune possibili soluzioni per risolvere il problema dei crediti in sofferenza che appesantiscono il bilanci delle banche italiane. Il quotidiano ha proposto un parallelo con il TARP varato negli Stati Uniti in occasione della crisi dei mutui subprime. Il piano predisposto dal ministro del Tesoro, Hank Paulson, obbligava le banche più grandi a emettere nuove azioni, che sarebbero state acquistate dal governo, in modo che con le nuove risorse le banche avrebbero potuto «digerire» i mutui andati a male e ricominciare ad erogare credito. Il Corriere della Sera ha ricordato che “il capitale pubblico veniva però erogato con regole severe: sarebbe stato il Tesoro a decidere la remunerazione dei manager ed era proibito distribuire dividendi ai vecchi azionisti”. Il quotidiano ha aggiunto che “a fronte di una spesa (per acquistare le azioni) pari a 205 miliardi di dollari, nel dicembre 2015, quando tutte quelle azioni (tranne un piccolo residuo) erano state vendute, il guadagno netto per lo Stato ammontava a 16 miliardi”.
Per questo motivo le banche italiane nono sono contrarie alla creazione di una «bad bank» nella quale trasferire i loro crediti morosi.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutte le ultime su: bancari , bad bank

Guide Lavoro

Chi e per cosa si può utilizzare NoiPA

NoiPA è la piattaforma digitale per la gestione del personale e degli stipendi del settore pubblico.

da

ABCRisparmio

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Il cassetto fiscale è un archivio online tramite il quale ogni contribuente può consultare qualsiasi informazione riguardante la propria posizione fiscale Continua »