NAVIGA IL SITO

E’ arrivato il momento di prendere profitto

Lo sostengono gli analisti di Allianz Global Investors. Le quotazioni delle principali asset class sarebbero infatti troppo alte, visto contesto macroeconomico stagnante e i nuovi rischi geopolitici.

di Marco Delugan 2 lug 2014 ore 15:44
Per il 2014 gli analisti di Allianz Global Investors prevedono una crescita dell’economia globale del 3,25%, ma con possibili revisioni al ribasso nella seconda parte dell’anno. Le diverse aree del pianeta, però, continueranno ad evolversi a ritmi diversi, come osservato da Andreas Utermann:
[…] al comando ci sono gli Stati Uniti, in fase di ripresa dopo un primo trimestre penalizzato dalle severe condizioni meteorologiche; la Cina continua a contrastare il rallentamento della crescita con politiche orientate all’offerta, mentre il Giappone affronta lo shock subito dall’economia nel secondo trimestre a causa dell’aumento dell’imposta sulle vendite con una politica economica reflazionistica. In Europa si assiste infine al consolidamento della ripresa nel Regno Unito, con un divario rispetto all’Eurozona che nel 2014 continuerà a seguire un percorso di crescita più moderata.
rischio_1LA RISPOSTA DELLE BANCHE CENTRALI
Alle diverse velocità di crescita economica, le banche centrali rispondono con diverse politiche monetarie: la Federal Reserve continua nella graduale riduzione del quantitative easing; la Boj – la banca centrale del Giappone – prosegue nelle sue intenzioni reflazionistiche; la Bce ha introdotto tassi negativi e un nuovo programma LTRO per migliorare le condizioni di credito alle piccole e medie imprese; la Bank of England ha invece annunciato un prossimo possibile rialzo dei tassi di interesse già nel 2014.

Il quadro macroeconomico risulta però sotto le attese, e questa parziale debolezza dell’economia si scontrerebbe con l’andamento troppo positivo dei principali mercati finanziari nella prima parte dell’anno.

MERCATI FINANZIARI A FINE CORSA?
Per quanto riguarda i mercati, quindi, secondo Utermann quelli obbligazionari dei paesi sviluppati, ma anche alcuni mercati azionari, hanno raggiunto gli obbiettivi di guadagno. Questo vuol dire che le quotazioni di azioni e obbligazioni “appaiono piuttosto forzate”, e che “sia arrivato il momento di prendere profitto su entrambe le principali asset class.”

Secondo Utermann, infatti:
Nel primo semestre del 2014 i rendimenti a livello di asset class sono risultati sorprendentemente positivi, visto il protrarsi di un contesto macroeconomico stagnante e l'emergere di significativi rischi geopolitici. Per il resto del 2014 ci aspettiamo che i mercati, nella migliore delle ipotesi, non subiscano variazioni di rilievo. In linea di massima, infatti, le aspettative di crescita hanno deluso al ribasso e la crescita degli utili è stata penalizzata da un’espansione praticamente assente a livello di ricavi. Le valutazioni dei titoli azionari e obbligazionari appaiono piuttosto forzate, con il momentum che punta nella direzione sbagliata […] Riteniamo pertanto che sia arrivato il momento di prendere profitto su entrambe le principali asset class, e per la prima volta negli ultimi quattro anni raccomandiamo di assumere un posizionamento neutrale.
COME E DOVE GUADAGNARE ANCORA
Possibilità di ulteriori guadagni rimangono, Utermann ritiene che:
Per quanto sia ancora possibile guadagnare con l’investimento sui dividendi, i segmenti di mercato in crescita e l’esposizione verso selezionate obbligazioni dei mercati emergenti e in valuta locale, nonché attraverso selezionate operazioni cross-currency, probabilmente nei prossimi mesi non mancheranno le difficoltà, a meno che non si verifichi un sensibile miglioramento del quadro macroeconomico e geopolitico con una netta ripresa degli utili.
Tutte le ultime su: strategie di investimento
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.