NAVIGA IL SITO

Ancora spazio per la ripresa del settore finanziario

I gestori dei comparti obbligazionari di Invesco dopo aver beneficiato della ripresa del settore degli ultimi due mesi, non intendono ridurre l’esposizione sui finanziari

di Redazione Soldionline 9 feb 2012 ore 14:31
A cura di WeOptions.com

I gestori dei comparti obbligazionari di Invesco dopo aver beneficiato della ripresa del settore degli ultimi due mesi, non intendono ridurre l’esposizione sui finanziari.

Lewis Aubrey-Johnson, Fixed Interest Product Director, sottolinea l’efficacia delle riforme che si stanno facendo e il contributo del LTRO (Long Term Refinancing Operation – Operazioni di rifinanziamento a lungo termine).

Questa settimana BBVA ha annunciato durante la presentazione dei risultati di bilancio di aver ottenuto in dicembre un finanziamento di lungo termine da 11 miliardi di euro che permetterà alla banca di far fronte ai suoi bisogni di finanziamento per tutto il 2012. La banca è anche vicina agli obiettivi di capitale imposti dall’EBA (manca solo lo 0,3%) ed ha annunciato che riuscirà a raggiungerlo attraverso gli utili realizzati anziché attraverso la vendita di propri asset.

Anche Deutsche Bank ha annunciato i propri risultati: la loro performance operativa è stata penalizzata dalla debolezza della divisione bancaria del gruppo finanziario, tuttavia il coefficiente di TIER 1 al 9,5% ha permesso di raggiungere gli obiettivi fissati dall’EBA. E’ il più elevato coefficiente di TIER 1 di fine anno mai raggiunto. La banca ha anche annunciato che il livello delle loro riserve di liquidità è il più elevato di sempre (219 miliardi di euro) di cui il 62% rappresentato da pura liquidità.

In questa settimana sono stati annunciati piani per la riduzione dell’indebitamento da parte delle società finanziarie: si tratta dei processi in base ai quali le banche riacquistano le proprie obbligazioni al di sotto del livello di parità e contabilizzano la differenza tra il prezzo di riacquisto ed il livello di parità. In termini di mercato, queste operazioni potranno portare alla riduzione della disponibilità di questi titoli sul mercato. Nel 2010 le banche europee hanno riacquistato obbligazioni per 30 miliardi di euro, nel 2011 invece 39 miliardi. In Invesco ritengono che la disponibilità di questi asset si ridurrà nel corso del tempo.

Vuoi sapere quali obbligazioni subordinate hanno in portafoglio i fondi Invesco e sui continuano ad essere positivi? Oppure individuare i fondi che stanno ancora puntando sul settore?  Scrivici! info@weoptions.com
Hai beneficiato del rialzo delle azioni dei titoli finanziari? Scopri come continuare a crederci, proteggendo però i guadagni realizzati:

video_present
Tutte le ultime su: obbligazioni
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.