NAVIGA IL SITO

Allianz Global Investors, le indicazioni per il 2014

La società di investimento ha segnalato che che le strategie ad alto dividendo hanno generato i migliori risultati su un orizzonte a tre anni, soprattutto in Asia, meno in Europa

di Edoardo Fagnani 3 dic 2013 ore 16:54
Arrivano anche le indicazioni di Allianz Global Investors sul 2014. In mattinata la società ha comunicato ai mercati le proprie visioni di scenario e le strategie di investimento per il prossimo esercizio.

Andreas Untermann, Responsabile Globale degli Investimenti di Allianz Global Investors, ha segnalato che i rendimenti dei titoli governativi rimangono molto bassi, nonostante l’aumento dei tassi di interesse negli Stati Uniti. In particolare, in Giappone i rendimenti reali sono prossimi allo zero. Untermann ritiene che, in contrasto con molti mercati obbligazionari dei paesi sviluppati, i rendimenti reali sovrani in valuta locale dei mercati emergenti siano decisamente positivi, anche sulla base delle prospettive demografiche di questi paesi. Di conseguenza, questi titoli sono da preferire rispetto ai titoli dei mercati occidentali.
Secondo lo strategist i tassi di interesse resteranno bassi per un periodo di tempo prolungato, in quanto il focus della politica resta sulla riduzione dell’indebitamento, che richiede il costante supporto della politica monetaria. Secondo Untermann i rendimenti dei titoli di stato statunitensi potrebbero ridursi rispetto all’attuale livello, dopo le recenti indicazioni della FED sulla politica monetaria. Tuttavia, “in una prospettiva di medio-lungo termine è probabile che i rendimenti salgano ulteriormente”, ha precisato lo strategist.
Il Responsabile Globale degli Investimenti di Allianz Global Investors ritiene che la politica adottata dalla BCE sia favorevole ai titoli di stato italiani, in particolare quelli con durata compresa tra i 5 e i 10 anni.

lente_11Con riferimento al comparto azionario, Andreas Untermann ha evidenziato che il lungo periodo di sottoperformance delle azioni è diventato un argomento a favore delle azioni per gli investitori a lungo termine ed è convinto che l'azionario offrirà rendimento più “accattivanti” dei bond, anche se saranno inferiori a quelli ottenuti quest’anno. Secondo lo strategist, l’elevato indebitamento del settore privato non rappresenta necessariamente un problema per i mercati azionari: il Responsabile Globale degli Investimenti di Allianz Global Investors ha ricordato che le azioni sono riuscite a registrare rendimenti superiori alla media in periodo di elevato indebitamento del settore pubblico, mentre i periodi caratterizzati da un basso indice di indebitamento totale non sempre sono stati positivi per i mercati azionari.
Andreas Untermann ritiene che i titoli azionari non siano sopravvalutati. In particolare, il Responsabile Globale degli Investimenti di Allianz Global Investors è convinto che le azioni europee offrano valutazioni interessanti. Inoltre, lo strategist ha sottolineato che nel lungo periodo, gli investitori in cerca di rendimenti elevati in grado di battere l’inflazione, saranno costretti a considerare i mercati azionari, in quanto le azioni sono una delle poche asset class in grado di generare i ritorni richiesti.
Untermann ha aggiunto che le strategie ad alto dividendo hanno generato i migliori risultati su un orizzonte a tre anni, soprattutto in Asia, meno in Europa. Al contrario, negli ultimi 12 mesi le strategie a dividendo hanno sottoperformato. Tuttavia, lo strategist consiglia di non guardare solo al rendimento garantito dal dividendo, ma privilegiare le azioni che possono offrire un dividendo sostenibile e possibilmente in crescita.
Il Responsabile Globale degli Investimenti di Allianz Global Investors ha predicato cautela sul mercato azionario giapponese, che potrebbe correggere quando la politica economica espansiva del paese sarà ridimensionata.

Infine, Andreas Untermann ritiene che i maggiori rischi per il 2014 siano tre: guerre valutarie, financial repression e situazione politica.
Tutte le ultime su: allianz , previsioni 2014
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.