NAVIGA IL SITO

Abi alla Ue: niente stretta sugli npl (MF)

di Mauro Introzzi 16 gen 2018 ore 06:56 Le news sul tuo Smartphone

banca-insegnaIl quotidiano finanziario scrive che l’Abi, l’Associazione Bancaria Italiana, ha segnalato alla Commissione Ue alcuni punti critici contenuti nelle proposte di Bruxelles sulla svalutazione dei crediti deteriorati derivanti da nuovi prestiti. 

L’associazione delle banche italiane ha fatto sapere “di non essere d’accordo con l’approccio Ue e ha sottolineato che le misure richiedono un’attenta considerazione a causa dei potenziali effetti distorsivi sull’allocazione efficiente delle risorse e sulla crescita economica”. Secondo quanto scrive MF, Abi ritiene che la svalutazione prudenziale del 100% neghi l’attività di gestione del rischio. 

Le conseguenze si farebbero sentire sull’economia in molti modi, in primis sui tassi dei prestiti ai clienti, che salirebbe perché il credito richiederebbe maggiore capitale regolamentare alle banche.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutte le ultime su: abi , npl