NAVIGA IL SITO

Zucchi, l’aumento di capitale

Il prossimo lunedì, 25 novembre 2013, prende il via l’aumento di capitale di Zucchi. In queste ore la società ha pubblicato le caratteristiche dell’operazione. Vediamole insieme

di Mauro Introzzi 22 nov 2013 ore 15:01
Il prossimo lunedì, 25 novembre 2013, prende il via l’aumento di capitale di Zucchi. In queste ore la società ha pubblicato le caratteristiche dell’operazione.

Lo scorso 28 giugno l’assemblea straordinaria della società, il cui primo azionista è il portiere della Juventus e della Nazionale Gianluigi Buffon, ha approvato un aumento di capitale sociale a pagamento per un importo complessivo massimo pari a poco più di 25,36 milioni di euro, inscindibile sino a 24,86 milioni di euro e scindibile per la differenza, mediante l’emissione, in due distinte tranches, di azioni ordinarie prive di valore nominale, in regime di dematerializzazione, aventi godimento regolare, gli stessi diritti e le medesime caratteristiche di quelle già in circolazione, da offrire:

- quanto alla Tranche A, pari ad un importo di circa 20,5 milioni di euro in opzione agli azionisti ad un prezzo di 0,072 euro in ragione di 8 nuove azioni ogni 5 azioni ordinarie o azioni di risparmio possedute;

- quanto alla Tranche B, pari ad un importo di 4,86 miliardi di euro riservata alle Banche Finanziatrici con esclusione del diritto di opzione ad un prezzo di 0,216 euro, di cui 0,072 euro a titolo di capitale sociale e la differenza a titolo di provento non ricorrente di natura finanziaria.

zucchi_2Destinatari e mercati dell’Offerta in Opzione
Le Nuove Azioni oggetto dell’Offerta in Opzione saranno offerte in opzione ai titolari di azioni ordinarie e di risparmio dell’Emittente.
L’Offerta è promossa esclusivamente sul mercato italiano, sulla base del Prospetto Informativo. L’Offerta è rivolta, indistintamente e a parità di condizioni, a tutti gli azionisti Zucchi senza limitazione o esclusione del diritto di opzione, ma non è promossa, direttamente o indirettamente, negli Stati Uniti d’America, Canada, Giappone o Australia, o in qualsiasi altro Paese estero nel quale tale offerta non sia consentita in assenza di specifiche autorizzazioni da parte delle autorità competenti.

Periodo di validità dell’Offerta in Opzione
I diritti di opzione che danno diritto alla sottoscrizione delle Nuove Azioni dovranno essere esercitati, a pena di decadenza, nel periodo dal 25 novembre 2013 al 12 dicembre 2013 compresi, tramite gli intermediari autorizzati aderenti al sistema di gestione accentrata, che sono tenuti a dare le relative istruzioni a Monte Titoli entro le 15.30 dell’ultimo giorno del Periodo di Offerta.

Pertanto, ciascun sottoscrittore dovrà presentare apposita richiesta di sottoscrizione con le modalità e nel termine che il suo intermediario depositario gli avrà comunicato per assicurare il rispetto del termine finale di cui sopra. L’adesione all’Offerta avverrà mediante sottoscrizione dei moduli di esercizio appositamente predisposti dagli Intermediari Autorizzati aderenti al sistema di gestione accentrata gestito da Monte Titoli.
A conclusione del Periodo di Offerta, ed entro il mese successivo alla scadenza dello stesso, i diritti di opzione eventualmente non esercitati entro il 12 dicembre 2013 saranno offerti in Borsa dalla Società per cinque riunioni ai sensi del Codice Civile.

Impegni di sottoscrizione e garanzia
L’azionista di maggioranza Gianluigi Buffon (direttamente e attraverso GB Holding) si è impegnato - con esclusivo riferimento alla parte inscindibile della Tranche A - oltre che a sottoscrivere e liberare la quota di propria spettanza, a:
- sottoscrivere integralmente la parte della Tranche A che rimarrà inoptata;
- liberare la Tranche A in denaro all’atto della sottoscrizione della stessa per un importo pari alla differenza tra 12,5 milioni di euro e l’ammontare della Tranche A liberata a fronte dell’esercizio dei diritti di opzione da parte di tutti gli azionisti della società (c.d. “prima fase”);
- liberare la Tranche A in denaro per il residuo importo (pari a massimi 7,5 milioni di euro) entro il 31 dicembre 2014 (c.d. “seconda fase”).
Tutte le ultime su: zucchi , aumenti di capitale
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.