NAVIGA IL SITO

UniCredit apre a ipotesi di cessione di una quota di FinecoBank

di Edoardo Fagnani 7 mag 2019 ore 07:37 Le news sul tuo Smartphone

torre_unicredit UniCredit e FinecoBank hanno approvato una serie di azioni e procedure che dovranno essere realizzate dai due istituti al fine di assicurare a Fineco di poter operare come società pienamente indipendente dal punto di vista regolamentare, di liquidità e operativo, anche nel caso di potenziale futura uscita dell'istituto attivo nel settore del digital banking dal gruppo UniCredit.

Dalle ultime comunicazione della Consob, aggiornate allo scorso 5 maggio 2019, emerge che la quota della banca guidata da Jean Pierre Mustier nel capitale di FinecoBank è pari al 35,479%. In queste ore Il Sole24Ore (UniCredit studia la cessione del 10-15% di Fineco) indicava in un 10-15% la quota che UniCredit potrebbe cedere, presumibilmente con un accelerated bookbuild.

Secondo la nota congiunta delle due banche "queste azioni concordate consentirebbero a UniCredit di cogliere qualsiasi opportunità di mercato, anche nel breve termine, in relazione alla sua quota in Fineco".

Inoltre, Fineco ha segnalato che il Leverage Ratio sarà vicino al 3% su base pro forma nel caso di uscita dal perimetro di UniCredit e potrà essere ulteriormente rafforzato al di sopra del 3%, attraverso la possibile emissione, nei mesi successivi, di titoli qualificabili come capitale aggiuntivo di classe 1 per un importo fino a 200 milioni di euro.

Nel frattempo FinecoBank ha diffuso i conti del primo trimestre 2019.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutte le ultime su: unicredit , fineco